Marcia della pace, Lecco in piazza  per la solidarietà
Tanti gli striscioni e i cartelli che ricordavano i temi della manifestazione

Marcia della pace, Lecco in piazza

per la solidarietà

Il corteo promosso dal Decanato e dedicato al tema proposto dal Papa

Don Davide Milani: «Dialogare partendo dall’ascolto»

C’era molta gente oggi, sabato 12 gennaio, sul sagrato della basilica di San Nicolò a Lecco per partecipare alla Marcia della Pace.

Più di 400 persone hanno voluto condividere questo gesto che quest’anno aveva un tema molto attuale: “La buona politica è al servizio della pace” proposta da Papa Francesco.

Insieme al vicario episcopale, monsignor Maurizio Rolla, ed al prevosto di Lecco, monsignor Davide Milani, c’erano tanti amministratori locali tra cui il sindaco di Lecco, Virginio Brivio , e il presidente della Provincia di Lecco, Claudio Usuelli. La manifestazione è stata inaugurata dall’Arca Voice, il coro dei richiedenti asilo del Ferrhotel di Lecco, a cui è seguito un breve intervento di don Marco Tenderini: «Le parole di Papa Francesco sono tutte in queste note di condivisione dell’Arca Voice. Molti di questi ragazzi questa settimana hanno viste respinte le loro richieste di asilo, per questo facciamo sentire loro la nostra vicinanza».

È poi seguito l’intervento del prevosto di Lecco: «Con questo nostro gesto testimoniamo che la pace è un cammino, un percorso da compiere. E proprio per questo non siamo chiamati a realizzarla da soli, ma lo dobbiamo fare insieme agli altri, insieme alle tante persone che abbiamo accanto; persone con cui dobbiamo dialogare partendo dall’ascolto. Infine, per camminare sulla strada della pace bisogna fare fatica e proprio quest’ultima è la misura del bisogno che attende la nostra condivisione».

Dopo altri interventi, la marcia ha preso inizio. Il lungo corteo aveva numerosi striscioni ed in particolare campeggiavano quattro cartelli che riportavano, a caratteri cubitali, altrettanti verbi che riassumevano tutto il senso della marcia: promuovere, proteggere, integrare, accogliere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA