Lecco, via le barriere in piazza
«Restano i controlli anti terrorismo»

Domani verranno tolti jersey in cemento armato posizionati per prevenire attentati

Lecco, via le barriere in piazza «Restano i controlli anti terrorismo»
Le barriere di cemento in piazza Cermenati a Lecco Foto Menegazzo

Verranno rimossi nella giornata di domani, mercoledì 15 febbraio, i jersey in cemento armato posizionati all’ingresso di piazza Cermenati durante le ultime feste di Natale. La decisione fu presa a seguito della riunione straordinaria del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dopo l’attentato terroristico di Berlino.

«L’indicazione di posizionare delle barriere a protezione del mercatino di Natale e gli eventi in calendario durante le ultime festività – spiega l’assessore alla sicurezza del Comune di Lecco, Francesca Bonacina - arrivò in seguito alla direttiva diramata dal Viminale a tutti i prefetti e questori per chiedere di intensificare le misure di vigilanza e di sicurezza a protezione degli obiettivi ritenuti più a rischio, rafforzando i controlli nelle aree di maggiore afflusso di persone. Oggi, sentito il parere delle autorità competenti, possiamo procedere con la rimozione dei jersey, che, siamo consapevoli, rispondevano sì a un’esigenza di maggiore sicurezza, ma mal si sposavano con il biglietto da visita offerto da una delle più belle piazze della città. Piazza Cermenati si prepara ad ospitare nuove manifestazioni turistiche e culturali e, anche senza barriere, l’attenzione alla sicurezza di cittadini e turisti non diminuirà da parte della nostra Polizia locale e delle altre forze dell’ordine con cui collaboriamo quotidianamente».

«Abbiamo atteso fino ad oggi per rimuovere i jersey in piazza Cermenati – commenta l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Lecco, Corrado Valsecchi – perché volevamo essere sicuri che la situazione considerata di “emergenza” fosse rientrata prima di procedere dal punto di vista logistico: mettere e togliere jersey in cemento armato, visto peso e dimensioni, prevede dei costi per l’Amministrazione. Le risposte ricevute dalle autorità, fermo restando che sul fronte della sicurezza le dinamiche, purtroppo, cambiano di giorno in giorno, sono confortanti e pertanto abbiamo deciso di procedere nella giornata di mercoledì».

© RIPRODUZIONE RISERVATA