Lecco. Riscaldamento

Anaci: le nuove norme

Contatori individuali: gli amministratori di condominio spiegano la legge che entra in vigore quest’inverno

Lecco. Riscaldamento Anaci: le nuove norme

Quello che prenderà il via, il 15 ottobre, sarà il primo anno termico in cui l’obbligo di contatori individuali per misurare il consumo effettivo di calore, raffreddamento o acqua calda per ciascuna unità immobiliare e contabilizzarlo varrà per tutti i condomini ed edifici polifunzionali serviti da una fonte centralizzata di raffrescamento o di riscaldamento, da teleriscaldamento o comunque da un sistema di fornitura centralizzata.

Una scadenza, questa, che gli amministratori condominiali di Anaci Lombardia hanno presente quale impegno da rispettare. Non è un caso che, proprio a questo tema, siano stati dedicati fin dal 2011 numerosi convegni e approfondimenti da parte di tecnici e legali del “sistema Anaci” per aggiornare gli iscritti sulle continue modifiche legate a questo argomento.

Ora, a un mese esatto dall’avvio della stagione termica 2016/2017 e dell’accensione degli impianti, Anaci Lombardia tornerà ad occuparsene, dedicando a questo tema la prima e più ampia sessione del Convegno regionale di studio promosso in collaborazione con Anaci Varese, in programma oggi (alle 9) a Volandia (Somma Lombardo), nell’area delle ex officine aeronautiche Caproni dove è collocato il primo Parco e Museo del Volo.

«Questa importante materia coinvolge pesantemente gli amministratori di condominio, sia da un punto di vista operativo che legislativo. – afferma il presidente di Anaci Lombardia, Claudio Bianchini - La scadenza che la legge impone non è certo inattesa: fin dal 2011 Regione Lombardia ha emanato una serie di decreti al riguardo, mentre è dal 2014 che, con il decreto legislativo n 102, il Governo, ha recepito la direttiva comunitaria 2012/27/Ue, rendendo obbligatoria la misurazione individuale del calore consumato negli edifici a partire dal 31 dicembre 2016”. «Tuttavia – continua Bianchini - non vanno negate le difficoltà registrate in più circostanze nel procedere ad un adeguamento tecnico che comporta costi e investimenti significativi in un contesto comunque complesso quale è un condominio. Né va dimenticato come, ancora una volta, poche settimane or sono, con il Dl 141 del 18 luglio 2016, sono state introdotte a riguardo ulteriori novità legislative, che proprio a Volandia, saranno per la prima volta illustrate ad una platea di professionisti».

Del resto il tema ha risvolti diversi e complementari tra loro: aspetti tecnici, innanzitutto, ma anche legali ed economici, che spaziano dalla valutazione delle caratteristiche dei dispositivi (efficienza, performance, durata, affidabilità) alla legittimazione a decidere a agli obblighi che i diversi soggetti di un condominio hanno di concorrere alle spese, fino alla individuazione dei casi di esclusione dall’obbligo della contabilizzazione stabilito per legge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA