Lecco. Nel sito del Caleotto  continuano i lavori
Al Caleotto si montano i nuovi pannelli

Lecco. Nel sito del Caleotto

continuano i lavori

In questi giorni nel fabbricato che ospitava l’acciaieria si installa noi nuovi pannelli

I lavori di manutenzione straordinaria del fabbricato del Caleotto che ospitava l’acciaieria erano cominciati in estate con la rimozione dei vecchi pannelli.

Era rimasto lo scheletro metallico. In questi giorni, la proprietà del laminatoio sta provvedendo all’installazione dei nuovi pannelli. Continua così l’opera di ripristino del sito industriale, avviata con l’arrivo della nuova proprietà, divisa in quote paritetiche tra Duferco e Feralpi.

Al momento dell’acquisizione del laminatoio da parte della “Caleotto spa” (la new co costituita da Duferco e Feralpi) in organico al laminatoio c’erano 74 persone, alle quali in questi mesi si sono aggiunti alcuni tecnici. La nuova proprietà ha fissato per quest’anno un obiettivo di produzione di 73mila tonnellate di vergella. Volumi produttivi che saranno raddoppiati il prossimo anno, per diventare 250mila nel 2017, 270mila nel 2018 e 300mila nel 2019. Va però precisato che la produzione di vergella è potuta riprendere con qualche settimana di ritardo rispetto ai programmi perché la proprietà ha dovuto aspettare il via libera delle autorità europee della concorrenza sui mercati. Al momento, i lavoratori in organico al “Caleotto” lavorano su due turni, con l’obiettivo di portarli a tre.

Il fabbricato sul quale in questi giorni si sta lavorando, ospitava l’acciaieria. E così quando si passava dal terzo ponte, poteva capitare di assistere ad una colata di acciaio.Uno spettacolo unico, specie con il buio. Poi l’impianto è stato dismesso e la produzione si è concentrata sulla laminazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA