Lecco. Il vino del prevosto  per il nuovo oratorio
Il vino appositamente imbottigliato per l’iniziativa benefica

Lecco. Il vino del prevosto

per il nuovo oratorio

Raccolta fondi: nuova iniziativa del vulcanico “don”, un rosso doc dell’Umbria come regalo di Natale - L’etichetta realizzata dall’artista milanese Attus

Il progetto del nuovo oratorio San Luigi a Lecco richiede un investimento notevole e per questo la Comunità pastorale Madonna del Rosario di Lecco e il prevosto monsignor Davide Milani stanno proponendo numerose iniziative volte a sensibilizzare l’intera comunità ed a coinvolgerla in questa bella, ma onerosa iniziativa.

L’ultima “invenzione” sembra perfetta per i regali di Natale ed è “La cantina del Prevosto” ossia bottiglie di vino con questa dicitura, espressamente imbottigliate per l’oratorio san Luigi.

«È un dono particolare, – precisa il prevosto di Lecco - simbolico, bello e buono, per allietare i momenti dei pasti o con gli amici oppure per un regalo con alto valore aggiunto per il prossimo Natale».

“La cantina del Prevosto” è un vino rosso doc Gamay del Lago Trasimeno (Umbria) prodotto dai viticoltori della cantina sociale di Castiglione del Lago, in provincia di Perugia, ed imbottigliato in esclusiva per il progetto di beneficenza a favore dell’oratorio san Luigi.

Il Gamay Trasimeno è un vitigno tipico della zona del Trasimeno, territorio in cui è coltivato da molto tempo. L’etichetta è stata disegnata appositamente dall’artista milanese Adriano Attus.

Questa proposta segue la grande cena di gala svoltasi giovedì sera all’oratorio e che ha visto la partecipazione di 141 persone. Un grande successo per una serata organizzata dalla parrocchia di San Nicolò in collaborazione con Euro-Toques Italia e coordinata dallo chef Enrico Derflingher. All’interno di questo fiorire di iniziative per il nuovo oratorio va anche ricordata la presenza in oratorio di qualche settimana fa del regista Pupi Avati. All’interno del nuovo oratorio, infatti, verrà anche ripristinata una nuova sala cinematografica che si chiamerà “Cinema Aquilone» e potrà ospitare 130 persone.

Pupi Avati è intervenuto alla presentazione ufficiale del progetto che richiederà un investimento di 880 mila euro, di cui 200 mila già stanziate dalla Regione Lombardia. C’è, dunque, un grande fiorire di iniziative e “La cantina del Prevosto” è solo l’ultima, ma siamo sicuri che la fantasia di monsignor Davide Milani non si fermerà qui.

A proposito della “Cantina del Prevosto” ricordiamo, per chi fosse interessato, che una scatola da 6 bottiglie da 0,75 cl. comporta un’ offerta da 65 euro, mentre una bottiglia da 0,75 cl. costa 12 euro. Per informazioni e per acquistare il vino si può contattare la segreteria della parrocchia San Nicolò: tel. 0341.282403, e mail: segreteria@chiesadilecco.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA