Lecco. Il mercato in centro  La Piccola deve volare
Un pezzo di storia: il mercato nel centro di Lecco, nel 1890

Lecco. Il mercato in centro

La Piccola deve volare

La proposta: Appello per Lecco vuole le bancarelle tra piazza Mazzini, piazza Affari e viale Costituzione: «Potrà aiutare il commercio nella zona centrale»

La Piccola non può ospitare ancora il mercato: sarebbe la morte di qualsiasi investimento a trazione Politecnico. D’altro canto, le bancarelle degli ambulanti possono e devono tornare in centro. Dove? Non nelle piazze storiche, ovvio, piuttosto in piazza Mazzini, piazza Affari e controviale Costituzione. La proposta arriva direttamente da Appello per Lecco, e si lega di fatto ad un vecchio progetto presentato cinque anni fa al Centro sociale di Germanedo.

«Non è un mistero che Appello per Lecco abbia sempre appoggiato e promosso l’idea di far tornare il posizionamento del mercato in centro città – sono le parole della civica locale – ed è evidente che le scelte sviluppate in questo quinquennio dall’amministrazione creano le condizioni per far uscire il mercato dalla poco decorosa logistica in cui si trova».

Di cosa si parla? Anzitutto, «dell’acquisizione dell’area della ex Piccola da parte del Comune dopo ben 32 anni di negoziati e trattative, secondo, la riqualificazione già avvenuta di Piazza degli Affari e quella che procederà speditamente fra poche settimane di piazza Mazzini.

Sull’area ex Piccola, Appello per Lecco ha le idee chiare: non potrà essere il polo mercatale  della Lecco futura: rappresenterebbe la morte di qualsiasi investimento serio e innovativo che dovrà necessariamente coinvolgere il Politecnico e sollecitare le Ferrovie dello Stato a farsi parte diligente per la valorizzazione della parte attigua ai binari». In soldoni, Appello ci vede laboratori legati al Poli, e una stazione ferroviaria ad hoc per «l’accessibilità durante le ore di punta dell’arrivo e della partenza degli studenti, al fine di togliere dal centro l’affollamento che ogni mattina inevitabilmente provoca ingorghi alla normale viabilita, creando caos e problemi alla sicurezza di pedoni e automobilisti. Nel 2021 Rete Ferroviaria Italiana dovrà intervenire nel riadeguamento complessivo della Stazione di Lecco e quindi chiediamo si possa anche realizzare una corsia d’attesa in zona ex Piccola per favorire il carico e scarico degli studenti e dei passeggeri esclusivamente per gli orari di punta».

Il mercato, invece, deve assolutamente tornare in centro città. «Si tratterà di utilizzare, al mercoledì e al sabato, le piazze Mazzini e Affari che sono e saranno dotate dalle predisposizioni degli allacciamenti elettrici, oltre a parte del controviale di viale Costituzione. Dovrà pertanto essere ridisegnata complessivamente la mappa delle assegnazioni e delle titolarità per l’occupazione del suolo pubblico da parte degli ambulanti. Loro stessi dovranno garantire principi di qualità della merce venduta e decoro anche per quanto riguarda mezzi e stand, nonché il pagamento anticipato delle quote di canone spettanti al Comune per aver diritto al posizionamento del presidio commerciale provvisorio».

Insomma, secondo la civica lecchese, «il ritorno in centro del mercato può portare una maggiore capacità di incidere a livello commerciale ed economico su tutto il tessuto cittadino, favorendo le nostre attività e semplificando inevitabilmente  la vita agli utenti, soprattutto a quelli più anziani che storicamente popolano i mercati».


© RIPRODUZIONE RISERVATA