Lecco. Aiuti alle nuove ditte
Via alle domande da aprile

Contributi: sul tavolo un milione di euro da spartire tra un migliaio di aziende piccole e medie

Lecco. Aiuti alle nuove ditte Via alle domande da aprile
Comprese le spese informatiche

Si apre in aprile, con data in via di definizione, la presentazione delle domande per l’edizione 2022 del bando “Nuova impresa” di Regione Lombardia in collaborazione con Unioncamere.

Il bando va a favore di micro, piccole e medie imprese e lavoratori autonomi che abbiano aperto un’attività in Lombardia dal 1° gennaio 2022 fino alla data di chiusura dello sportello per la presentazione delle domande

A fronte di uno stanziamento complessivo di un milione di euro «c’è spazio per un migliaio di domande», secondo la stima degli esperti della società di consulenza lecchese Innotec, per un’iniziativa che sostiene la nascita di nuove attività con contributo pari al 50% delle spese ammissibili e fino a un massimo di 10mila euro a copertura delle sole spese in conto capitale.

I progetti dovranno prevedere un investimento minimo di 3.000 euro, mentre e spese dovranno essere sostenute e quietanzate a seguito di avvio dell’impresa dal 1° gennaio 2022 ed entro il 31 dicembre 2022. Domanda di contributo e fatture relative alle spese sostenute e quietanzate vanno presentate online attraverso la piattaforma messa a disposizione dal sistema camerale (http://webtelemaco.infocamere.it) e nell’assegnazione delle risorse si seguirà l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta, fino a esaurimento delle risorse a disposizione.

I costi ammissibili riguardano l’acquisto di beni nuovi (macchine, attrezzature, impianti, arredi), spese di allestimento della sede comprese le opere di muratura necessarie all’installazione delle nuove attrezzature, informatica, costi per notaio e commercialista, primi mesi dei canoni di locazione della sede, spese promozionali e spese correnti per necessità di capitale circolante fino a un massimo del 50%.

Il nuovo bando va dunque in continuità con quello già messo in campo nel 2021 per le nuove attività avviate l’anno scorso «che hanno ancora tempo fino a fine marzo 2022 per richiedere il contributo stabilito da Regione Lombardia l’anno scorso – spiega Innotec - In tal caso sono ammissibili solo i costi quietanzati fino a fine dicembre, sui quali sarà calcolato lo stesso contributo a fondo perso del 50% fino a 10mila euro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA