Il taleggio e le Ferrari  La fiera fa centro
In coda alla cassa per comperare i pass per gli assaggi nei vari stand

Il taleggio e le Ferrari

La fiera fa centro

La rassegna è giunta alla dodicesima edizione, sui bolidi rossi sono saliti i ragazzi dell’Arcobaleno

Fiera del taleggio: Ballabio piena di gente per un evento che distingue il centro alle porte di Lecco da dodici anni. Ieri è andata bene, nonostante la costante minaccia temporali. Un po’ di pioggia non ha guastato questa manifestazione, giunta appunto alla dodicesima edizione ed organizzata dalla Pro Loco.

Con, a corollario, la parata di Ferrari per le vie del paese scortate, in testa al corteo, da un’auto della polizia stradale con tanto di sirene e lampeggianti accesi. Passeggeri di eccezione per un giro su questi bolidi, quindici di svariati modelli, condotti dai proprietari: i ragazzi diversamente abili della sezione “Arcobaleno” della Polisportiva Mandello. Brillavano loro gli occhi già quando aspettavano di salire in Ferrari.

Nel pomeriggio a disposizione per tutti per un giro pagando 5 euro (a favore sempre della Polisportiva di Mandello), grazie al Ferrari Club di Erba. Inaugurazione in pompa della dodicesima Fiera itinerante del taleggio ieri mattina alle 10, con già la gente in coda per acquistare i pass (che davano diritto a degustare delizie, non solo taleggio in otto postazioni pagando dieci euro), alla sede della Pro Loco di via Confalonieri. «Un invito soprattutto ai nostri ragazzi: mangiate valsassinese, non merendine o kebab», ha reso l’idea dello spirito dell’iniziativa il sindaco, Alessandra Consonni, prima del taglio del nastro. Al suo fianco Antonella Invernizzi, sindaco di Morterone, che ha ricordato che questa fiera fa parte di un progetto a più vasto raggio del “Valsassina: la Valle dei formaggi”.

Soddisfatto il presidente della Pro Loco, Enrico Pissavini, che ha sottolineato come la Fiera del taleggio di Ballabio sia sempre più un tratto distintivo del territorio.

E parterre di politici. Dal senatore calolziese Stefano Arrigoni, passando per i consiglieri regionali Raffaele Straniero e poi Antonio Ros si. Campione olimpionico di canoa e assessore della giunta regionale del governatore Maroni: «Anche quando mi allenavo - ha detto Rossi, ora nello staff del governatore Fontana -, non rinunciavo mai al taleggio della Valsassina».

Poi tutti a mangiare. Affollatissimo (e molto apprezzato), il bus navetta messo a disposizione dall’organizzazione che faceva la spola tra Ballabio Inferiore e Superiore.

La Fiera del taleggio si sviluppa infatti in entrambe le frazioni e la Pro Loco ha messo gratuitamente a disposizione questo mezzo per consentire ai golosi di andare avanti e indietro e senza problemi di parcheggio.

Appuntamento al 12 maggio 2019, con la tredicesima edizione della la Fiera itinerante del taleggio. La data è già certa: «La Regione l’ha patrocinata e finanziata - dice sempre Pissavini, presidente della Pro Loco -, quest’anno. Per ottenere ancora fondi abbiamo, secondo le norme, dovuto comunicare la data del 2019 della Fiera».


© RIPRODUZIONE RISERVATA