Il lecchese Ravasio guiderà

le vendite di Compex Italia

Il manager ha 35 anni ed è entrato nel 2016 nell’azienda specializzata in elettrostimolazione

Il lecchese Ravasio guiderà le vendite di Compex Italia
Marco Ravasio

C’è un lecchese alla guida del marketing di Compex, il marchio di origine svizzera che ha sviluppato in oltre trent’anni esperienza nei settori della rieducazione, del trattamento del dolore e dell’allenamento sportivo attraverso l’elettrostimolazione.

Il nuovo anno è iniziato, per il brand internazionale e in particolare per la divisione italiana, non soltanto con il lancio di nuovi prodotti ma anche con un rinnovamento sul fronte dell’organizzazione interna che interessa direttamente anche il nostro territorio.

A partire dallo scorso mese di gennaio, infatti, l’organigramma aziendale della filiale italiana ha visto alcuni cambiamenti nell’area commerciale in particolare con l’assegnazione della carica di Sales & marketing manager a Marco Ravasio. Classe 1986, il lecchese entra in Compex Italia nel 2016 come Trade marketing & direct sales per assumere quattro anni più tardi il nuovo incarico.

«Da oltre 30 anni Compex è un compagno di allenamento per numerosi atleti, di diverse discipline e tipologie di praticanti – commenta Marco Ravasio, fresco di nomina –. Il 2020 è stato sicuramente un anno particolare sotto vari punti di vista ma, nonostante la situazione, siamo stati capaci di reinventarci e rispondere alle nuove richieste da parte dei nostri utenti».

Stessa azienda, dunque, ma responsabilità sempre maggiori per Marco Ravasio, che guarda con ottimismo alle sfide del prossimo futuro: «Per il 2021 abbiamo grandi progetti e siamo certi che riusciremo a raggiungere tutti gli obiettivi che ci siamo posti».

Marchio del gruppo Djo Global, leader nella produzione di ausili e strumentazioni ortopediche di qualità con una vasta gamma di prodotti per la rieducazione, il trattamento del dolore e la fisioterapia, Compex opera in particolare nel campo dell’elettrostimolazione, la tecnologia che si è imposta negli ultimi vent’anni come alleata per professionisti della salute e sportivi. Oggi è una tecnica di allenamento ampiamente diffusa, utilizzata per la preparazione fisica, il recupero muscolare, la prevenzione delle lesioni, la rieducazione o il trattamento dei dolori. Sostenuti da studi clinici che ne provano l’efficacia, gli stimolatori Compex appartengono alla categoria dei dispositivi medici.

Nel corso dell’ultimo anno, complice la pandemia che ha imposto lunghi periodi tra le mura di casa anche agli sportivi più incalliti, il settore ha conosciuto un ulteriore sviluppo, con una crescita significativa registrata a partire dalla scorsa primavera, sia in relazione al commercio online che attraverso la rete di vendita dei negozi fisici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA