I pensionati della Cisl

Galbusera resta segretario

I pensionati della Cisl Galbusera resta segretario
Giorgio Galbusera, confermato

A Saronno il congresso

della categoria

Confermato il vertice

I numeri dell’attività

Giorgio Galbusera resta il punto di riferimento dei pensionati Cisl Monza Brianza Lecco.

A stabilirlo è stato il consiglio generale della Fnp Cisl, che al termine del congresso svoltosi a Seregno ha provveduto a riconfermare integralmente l’assetto della segreteria uscente. Accanto al rieletto segretario generale, dunque, continueranno a lavorare Rosa Maria Redaelli e Beppe Saronni come componenti di segreteria.

Nel corso dell’incontro si è provveduto anche a fare il punto sull’attività e sui “numeri” del sindacato, la cui ramificazione territoriale conta 18 sedi, 63 recapiti Fnp con servizi che vanno a coprire 140 comuni, tra i quali tutti gli 84 lecchesi.

Gli iscritti, al 31 dicembre 2020, erano 48.485: durante l’anno della pandemia i decessi sono stati 2.219, 613 in più rispetto all’anno precedente. Da notare che la media di decessi del triennio 2017/2019 era di 1.653 all’anno.

«La negoziazione sociale è – hanno evidenziato al sindacato - una delle principali attività della Fnp Monza Brianza Lecco e consiste nella negoziazione di condizioni migliori rispetto a temi che impattano direttamente sui cittadini, sia dal punto di vista delle tassazioni locali, sia dal punto di vista dei servizi, con particolare attenzione alla popolazione anziana, alle persone con fragilità e alle famiglie in difficoltà, effettuata relazionandosi con i Comuni, l’Ats, le Asst, i distretti e con altri soggetti pubblici del territorio. Negli ultimi anni, l’azione sindacale ha portato a dei buoni risultati, in particolar modo per quanto concerne la tassazione dell’Irpef, con l’introduzione della progressività nella tassazione e di una fascia di esenzione attestatasi in molti Comuni sulla soglia di 15.000 euro, privilegiando così una maggior difesa delle fasce più deboli».

Il risultato di questo impegno lo si nota dalla media della fascia di reddito esente da Irpef anno 2021 che, nelle due province, è fra le più alte della Lombardia (Monza Brianza 12.350 euro; Lecco 13.031 euro, mentre la media delle province lombarde è di 11.664). Così pure la percentuale della aliquote progressive praticate dai comuni (Monza Brianza 36%; Lecco 51%; la media delle province lombarde è del 23,24%). C. Doz.

© RIPRODUZIONE RISERVATA