“Fornitore Offresi”

I numeri sono da record

Ottomila visitatori per la nona edizione, il presidente di Lariofiere Ciceri: «Pronti a nuovi investimenti, vogliamo attrarre sempre più acquirenti stranieri»

“Fornitore Offresi” I numeri sono da record

La nona edizione di Fornitore Offresi è andata in archivio come una di quelle di maggior successo, tra quante fin qui organizzate. Non soltanto in termini di adesioni e di visite, con 365 espositori e oltre 8.000 ingressi nei tre giorni dell’evento, ma anche e soprattutto in relazione alle concrete possibilità di nuove relazioni commerciali nate tra gli stand.

Adesso, quindi, è già tempo di guardare avanti. Non per niente, come ricorda il presidente di Lariofiere Giovanni Ciceri, non appena si chiude un’edizione si inizia subito a lavorare a quella successiva. Tanto più se l’evento in questione è di quelli in grado di muovere tanto quanto il salone della meccanica d’eccellenza.

«Siamo rimasti impressionati sotto tutti gli aspetti dai risultati di questa edizione – ha ammesso Ciceri - Crediamo veramente molto in questa manifestazione e stiamo investendo in attività mirate che possano aumentarne l’appeal e la conoscenza anche al di fuori dei confini italiani. L’impegno sul piano dell’incoming e della promozione della fiera a livello nazionale ha avuto buone risposte e un’ottima diffusione, tanto che subito sono arrivati riscontri con richieste di appuntamento da parte dei buyer. In questo senso, i nostri uffici si sono mossi molto bene, ma abbiamo anche il vantaggio di promuovere un prodotto di alta qualità. Operatori e produttori si informano con attenzione e in anticipo prima di muoversi, quindi il fatto che l’interesse sia stato mostrato da subito è estremamente indicativo della bontà del progetto».

La vetrina della subfornitura meccanica è dunque vista dagli addetti ai lavori in modo sempre più diffuso come una manifestazione di riferimento. E partendo da questo presupposto si lavorerà per sfruttarne ancora meglio il potenziale.

«C’è sempre grande entusiasmo attorno a questo evento e contiamo di proseguire in questo modo anche in futuro. La formula è quella giusta e abbiamo constatato la soddisfazione e l’apprezzamento anche di chi è giunto da oltre confine. Stiamo già lavorando alla decima edizione, ma non anticipo nulla delle novità che stiamo valutando. Dico solo che abbiamo già avuto le prime prenotazioni per il 2018, perché alcuni operatori si sono voluti muovere con anticipo per “fermare” subito il loro posto».

Su un punto, però, il presidente Ciceri si sbottona: «Intendiamo aprire in modo sempre più convinto ai mercati esteri. Abbiamo già buyer stranieri, ma vogliamo investire in modo massiccio per averne una presenza sempre più consistente. L’obiettivo è semplice: attrarre acquirenti per vendere i nostri prodotti; questo sarà uno dei punti sui quali ci concentreremo in modo più intenso, mantenendo sempre innovazione e alta qualità quali fili conduttori della fiera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA