Don Emanuele è alla messa   I ladri gli rubano il computer
Don Emanuele Colombo

Don Emanuele è alla messa

I ladri gli rubano il computer

Missaglia: il furto è avvenuto tra le 7 e le 8 del mattino, il sacerdote ha presentato denuncia ai carabinieri

Furto in oratorio. Verso la metà della scorsa settimana, ignoti si sono introdotti nell’abitazione di don Emanuele Colombo, coadiutore parrocchiale, e hanno rubato alcuni oggetti personali.

In particolare, nella veloce razzia, secondo quanto è stato possibile appurare, i malviventi si sarebbero impossessati di un computer portatile di proprietà del sacerdote e altri oggetti personali.

Secondo quanto è stato ricostruito, l’incursione è avvenuta nella prima mattinata di giovedì scorso, tra le 7 e le 8 del mattino, quando il prete stava celebrando la messa. Una volta terminata la funzione religiosa, don Emanuele è rientrato rientrato in oratorio, varcata la soglia di casa di via Roma, il sacerdote si è reso conto che qualcuno aveva violato il suo appartamento.

Dopo una rapido controllo, don Emanuele ha così scoperto che i malviventi, che con ogni probabilità erano alla ricerca di oggetti preziosi o denaro contante, se ne erano andati rubando soltanto il personal computer e poco altro.

Poco più tardi, il sacerdote ha quindi contattato i carabiniere della stazione di Casatenovo ai quali è stata sporta denuncia per furto contro ignoti.

In breve la notizia ha fatto il giro del paese anche se il sacerdote ha preferito non commentare.

Non è il primo episodio di furto all’interno della parrocchia missagliese. Dodici anni fa, nel 2007, aveva fatto parecchio scalpore il furto di un anello particolarmente prezioso all’interno della basilica di San Vittore. Si trattava dell’anello della regina Teodolinda, d’oro ornato da uno zaffiro che, oltre a un grande valore storico, secondo la leggenda, aveva addirittura poteri taumaturgici. Successivamente, nel 2013, la basilica era stata nuovamente violata. Stavolta, forse anche con un scopo sacrilego, era stata rubata la porticina del tabernacolo e due crocifissi d’oro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA