Carta d’identità, si cambia    Da gennaio sarà solo elettronica
La scansione dell’impronta digitale

Carta d’identità, si cambia

Da gennaio sarà solo elettronica

Lecco, per richiederla necessario iscriversi all’agenda online del ministero

Nel 2017, in fase sperimentale, in città l’hanno scelta solo in 777, il 13% del totale

La vecchia carta d’identità sta per andare in pensione.

Dal 2 gennaio 2018 sarà infatti possibile richiedere all’ufficio anagrafe del Comune di Lecco solo la carta elettronica. Una novità stabilita dal ministero e che arriva al termine di quasi un anno di sperimentazione, durante il quale al documento cartaceo tradizionale è stato affiancato il nuovo formato.

«I risultati raccolti in questi mesi - sottolinea l’assessore ai servizi istituzionali e generali Anna Mazzoleni - confermano una netta preferenza per la vecchia carta d’identità, che sarà possibile richiedere ancora fino al 30 dicembre. Con il nuovo anno, come indicato dal ministero, si passerà solo alla versione elettronica». Tipologia che per il momento non è riuscita a far breccia nel cuore dei lecchesi, che su ben 5805 carte d’identità rilasciate da Palazzo Bovara nel 2017 l’hanno scelta solo in 777 casi (poco più del 13%).

Procedura più lunga

Numeri in larga parte motivati dall’abitudine al documento tradizionale, ma non solo: «Spesso - spiega Anna Mazzoleni - la richiesta della carta d’identità arriva a seguito dello smarrimento oppure ci si accorge di doverla rinnovare alla vigilia di un’occasione in cui serve avere il documento in regola. In tutti questi casi solitamente è stata premiata la velocità della procedura, che per il documento cartaceo è praticamente immediata».

Ancora più veloce (quando possibile) era il rinnovo attraverso il timbro, modalità già eliminata da tempo e che comunque ha sempre comportato qualche limitazione non essendo riconosciuta da tutti i Paesi stranieri. La procedura per la richiesta della carta d’identità elettronica invece è un po’ più lunga e prevede come primo passaggio obbligatorio la prenotazione di un appuntamento attraverso l’agenda online del ministero, dove ci deve registrare inserendo i propri dati anagrafici, la residenza e il recapito telefonico. Solo a questo punto il sistema indicherà il giorno e l’orario in cui presentarsi all’ufficio Anagrafe in piazza Diaz.

Tutti i particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola venerdì 15 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA