Caos Lecco-Ballabio, prova del traffico  per il nuovo orario
Il traffico in direzione Lecco verrà deviato sulla vecchia strada di collegamento con la città

Caos Lecco-Ballabio, prova del traffico

per il nuovo orario

L’appello degli amministratori per evitare code «Chi deve scendere in città lo faccia prima delle 8.30 Verso la Valsassina utilizzare solo il nuovo tracciato»

Da domani tutti in auto prima delle 8.30 per evitare di restare in coda scendendo da Ballabio verso Lecco.

Domani mattina Anas torna a lavorare lungo la Lecco-Ballabio, in direzione sud, con la chiusura della corsia in discesa dalle 8.30 alle 19.

Chiusura che sarà problematica, ma che alleggerisce le difficoltà rispetto all’iniziale blocco completo del transito, dal lunedì al venerdì, fino al 30 marzo, necessario per adeguare a nuove misure di sicurezza un muro lungo il tracciato.

Vigili in presidio

Nella fascia oraria dalle 8.30 alle 15.30, per garantire il passaggio dei mezzi pesanti lungo la vecchia strada di collegamento, che transita attraverso Pomedo, Laorca, Malavedo, Rancio e da lì a San Giovanni, e minimizzare i disagi, verrà disposto il senso unico alternato con due movieri.

L’appello degli amministratori, del sindaco di Ballabio Alessandra Consonni, e dell’assessore alla viabilità di Lecco, Corrado Valsecchi, è chiaramente quello di scendere in città prima del blocco. «Invito tutti coloro che devono scendere dalla Valsassina a farlo prima delle 8.30 del mattino, e chiedo a chi deve andare da Lecco verso Ballabio o raggiungere la Valsassina di usare sempre la nuova Lecco-Ballabio che resta aperta in direzione nord, così da non intasare il vecchio tracciato - dice l’assessore alla viabilità Corrado Valsecchi -. Da domani mattina disattiveremo il semaforo lungo via Tonale così che la viabilità fluisca meglio e chi arriva da San Giovanni non resti bloccato. Altro non possiamo fare. Chiediamo a tutti di collaborare, solo così potremo contenere i disagi»..

Tutti i particolari su La Provincia di Lecco in edicola lunedì 5 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA