Cama group punta a quota 100  E prepara il trasloco a Molteno
Daniele e Annalisa Bellante, titolari di Cama Group di Garbagnate

Cama group punta a quota 100

E prepara il trasloco a Molteno

L’azienda prevede di chiudere l’anno a 90 milioni di fatturato

Imminente il via allo spostamento delle attività da Garbagnate al nuovo sito

Innovazione negli impianti, nella digitalizzazione e robotica, nelle assunzioni, nelle strategie commerciali, fino all’inaugurazione, a breve, della nuova sede di Molteno sono le leve di un piano industriale di forte crescita messo in campo con investimenti continui da Cama group.

Con un 2019 che chiuderà con un fatturato di 90 milioni di euro, per l’azienda di Garbagnate Monastero sul 2020 l’obiettivo economico è definito: «Puntiamo ai 100 milioni di fatturato nel 2020 – spiega Annalisa Bellante, direttore risorse umane e co-titolare Cama - e per raggiungere questo ambizioso obiettivo abbiamo già da tempo implementato un importante business plan aziendale».

Da quasi quarant’anni Cama group è leader mondiale, spiega una nota aziendale, nella progettazione e produzione di sistemi e linee d’imballaggio secondario e robotica ad alta tecnologia. L’azienda produce linee complete integrate di confezionamento, partendo dal ricevimento di prodotti primari nel settore food (bakery, confectionery, coffee, ice cream, dairy, ready meals, grocery), non food (personal, health & home care) e pet food, sino al loro imballo prima della palletizzazione. L’azienda utilizza le tecnologie più avanzate e la sua esperienza dimostra che la digitalizzazione e la robotica non tagliano posti di lavoro, ma ne creano di nuovi.

Infatti fra gli elementi che più hanno concorso al raggiungimento dell’obiettivo sul 2019 c’è stato anche un sensibile investimento in risorse umane (+30% rispetto al biennio 2017/2018), oltre a un’innovazione organizzativa che ha puntato sullo sviluppo di un forte senso di appartenenza dei responsabili, oltre che «ad un’importante evoluzione della cultura aziendale, con il passaggio dal concetto di dipendente a quello di stakeholder», fattori considerati propedeutici all’aumento di fatturato previsto dal business plan di Cama. Intanto l’azienda si prepara al taglio del nastro previsto per l’estate della prima ala della nuova sede di Molteno, in totale 35mila metri quadrati di cui 25mila destinati a produzione e uffici. Una nuova pietra miliare di uno sviluppo aziendale che deve tutto a tre fattori: risorse umane e formazione continua; innovazione tecnologica sui più alti standard del settore, specializzazione commerciale.

In particolare, l’azienda racconta un’innovazione tecnica «frutto di costanti investimenti in ricerca e sviluppo (oltre il 5% del fatturato annuo) sia sul fronte Industry 4.0, con la virtualizzazione dei processi, dall’engineering al commissionino delle macchine, sia su quello delle soluzioni tecnologiche, con la nuova gamma d’incassatrici wrap-around ultra compatte, ed ulteriori novità nella robotica», che saranno rese note a breve.

Sul fronte commerciale lo sviluppo è stato orientato «nel senso di una specializzazione per Industry, con risorse dedicate e con la creazione delle nuove due divisioni Dairy e Phhc (Personal, Heath and Home Care), che si affiancano alle storiche Confectionery & Bakery, Coffee, Petfood e Ice cream».


© RIPRODUZIONE RISERVATA