Bosisio. Lavori a Casa Carpani   Le critiche della minoranza
Polemiche sui lavori a Casa Carpani, verrà realizzato un nuovo accesso pedonale

Bosisio. Lavori a Casa Carpani

Le critiche della minoranza

I lavori sono quasi per intero finanziati a fondo perso dalla Regione

Le opposizioni avanzano dubbi sulla realizzazione dell’accesso pedonale

I lavori di riqualificazione a Casa Carpani sollevano un polverone politico. L’opera, dal costo di 40mila euro e finanziata per 36mila euro a fondo perso da Regione Lombardia, riguarda il rifacimento dell’ingresso pedonale, dei viali, della recinzione e dei parcheggi interni.

La struttura, in cui sono presenti appartamenti tra i 35 e 50 metri quadrati, è un lascito di Giuseppe Carpani, medico di famiglia, benefattore della comunità e precursore delle politiche socio-assistenziali a Bosisio. Casa Carpani ospita anche una “casa di ospitalità” sovracomunale per un periodo di sollievo o di degenza post ospedaliera. Questo servizio si traduce in due mini alloggi al piano terra. Gli appartamenti vengono dati in comodato a chi ne ha bisogno, che deve poi contribuire alle spese di utenza e conservazione della struttura con una quota annuale in base al reddito.

«L’amministrazione ha iniziato la sua prima opera pubblica, ovvero la riqualificazione del parco di Casa Carpani - spiega il capogruppo di Bosisio Viva, Giacomo Gilardi - L’intervento, pagato in gran parte da Regione Lombardia, prevede il rifacimento dei viali, della recinzione e dei parcheggi interni, ma soprattutto la realizzazione di un nuovo accesso pedonale molto pericoloso. Se poco abbiamo da eccepire sulla necessità di sistemare i vialetti interni, troviamo invece assurda l’idea di prevedere un nuovo accesso. Ancora una volta si spendono i soldi dei cittadini inutilmente, piuttosto che progettare una seria riqualificazione di tutta la struttura e degli appartamenti, poco abitati e sempre più fatiscenti».

Il nuovo ingresso non sarà più da via Beniamino Appiani, ma dal portico di via IV Novembre. «Va bene la sistemazione del parco - rilancia il consigliere di Bosisio Viva, Marta Brambilla - Però, prima di fare un nuovo accesso, valeva la pena intervenire sullo stabile».

La replica del sindaco Andrea Colombo: «Il finanziamento ottenuto riguarda la riqualificazione di aree esterne e dell’ingresso, pertanto poteva essere speso solo in questo intervento - attacca - Il nuovo ingresso è protetto ed è molto più sicuro rispetto a quello attuale. Bosisio Viva fa solo polemica e perde così l’occasione per stare in silenzio. Due anni fa erano contrari ad approvare l’investimento di circa 130mila euro, in parte finanziato, per la riqualificazione di alcune aree interne di Casa Carpani. Oggi, a fronte di un finanziamento ottenuto sulle aree esterne, chiedono un intervento sull’interno».

Un’opera necessaria: «A nostro avviso - conclude il primo cittadino - la riqualificazione è importante, perché anche se gli inquilini dell’edificio sono in diminuzione, è giusto che i luoghi offerti siano decorosi e sicuri».


© RIPRODUZIONE RISERVATA