«Bonacina, genitori incoscienti»

Rizzolino riaccende la polemica

La prima seduta di commissione finisce con i nervi tesi

L’assessore insiste: «Chiuso senza palestra e la Filzi non ha la mensa»

«Bonacina, genitori incoscienti» Rizzolino riaccende la polemica
I rappresentanti del comitato di Chiuso presenti anche ieri in commissione

Era iniziata in maniera molto tranquilla, anzi quasi come un evento da ricordare negli annali, perchè l’inizio di un percorso condiviso tra Comune e genitori.

É finita con i genitori dei bambini di Chiuso usciti in blocco dall’aula per protesta e quelli di Bonacina pronti a dare battaglia ancora più agguerriti di prima.

Finita la tregua

L’assessore Salvatore Rizzolino ieri sera dopo la tregua fissata dal sindaco in consiglio comunale con l’ordine del giorno che stabilisce i tempi e i modi del piano di dimensionamento scolastico, con alcune frasi dette in merito alla qualità delle strutture scolastiche, ha lasciato intendere quali sono le sue intenzioni future. su Chiuso e Bonacina . Riaccendendo la polemiche.

In risposta a Paola Perossi consigliera Ncd che ha chiesto che tutte le scuole piccole restino aperte perchè sono un servizio per la cittadinanza, ha dato indicazioni inequivocabili dicendo che la scuola di Chiuso senza la palestra non può andare lontano, provocando la reazione del Comitato presente in sala. E subito dopo ha dato degli incoscienti ai genitori di Bonacina perchè mandano i figli in una scuola senza mensa.

«Noi non siamo senza mensa ,la mensa l’abbiamo dobbiamo solo attraversare la strada - commenta Daniela Riva del comitato per Bonacina - è il Comune che nel 2002 ci ha dato questa possibilità e ora siamo incoscienti? Ma come si permette di giudicarci? » sbotta la mamma .

Leggi i particolari su La Provincia in edicola venerdì 22 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA