Ballabio, il bus debutta ma senza i cittadini  «Era voluto, temevamo assembramenti»
Il nuovo bus gratuito “Fra’ Cristoforo” che girerà per il paese

Ballabio, il bus debutta ma senza i cittadini

«Era voluto, temevamo assembramenti»

Taglio del nastro solo con sindaco, assessori, consiglieri e il direttore di Linee Lecco Ventun posti a sedere senza distanziamento, sarà gratuito: «Ora la novità va fatta conoscere»

Oggi da piazza Hillion è partito il bus della “linea 1927”: il mezzo che, gratis per gli utenti, farà la spola tra le due frazioni del paese. Orari definiti anche su cartelli d ogni fermata e già ieri il “1927”, che prende il nome dall’anno di unificazioni tra Ballabio Inreriore e Superiore, era in strada.

L’inaugurazione

Inaugurazione con tanto di taglio del nastro affidata al sindaco, Giovanni Bruno Bussola, nella piazza del municipio, ma per pochissimi intimi.

Sindaco, assessori, non tutti, ed addetti ai lavori tra cui direttore della compagnia “Lineee Lecco”, Salvatore Capello, a cui il comune ha affidato l’appalto triennale che costa alle casse dell’ente 21 mila euro all’anno.

Al “giro ianugurale sul bus 1927”, capienza 21 persone, a bordo c’era solo chi era presente all’inaugurazione.

Il sindaco Bussola lo sa bene e dice che l’inaugurazione semi deserta era l’obiettivo che si era posto. Il primo cittadino motiva in questi termini la sua decisione: «Perché abbiamo voluto non pubblicizzare troppo questa iniziativa che avrerebbe potuto essere causa di assembramenti. Una cerimonia volutamente sobria. Nei volantini che ho diffuso, infatti, ho solo indicato l’ora dell’inaugurazione di stamattina ma non il luogo».

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola domenica 20 dicembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA