Azienda e lavoro

Il “Bertacchi” in Spagna

La 3D del Liceo economico sociale a Salamanca per un progetto di alternanza

Azienda e lavoro Il “Bertacchi” in Spagna
Studentesse e insegnanti che hanno preso parte all’iniziativa

Conclusa una positiva esperienza di alternanza scuola-lavoro, promossa ed effettuata dall’Istituto Bertacchi.

A compierla è stata la classe 3C del Liceo Economico Sociale, che ha realizzato con grande successo questo progetto all’estero, per la prima volta. Meta di studenti e docenti è stata Salamanca, in Spagna. Entusiasti i ragazzi. «Siamo fieri di essere stati i primi ad aver avuto l’opportunità di effettuare questa esperienza», dicono.

Il progetto, che ha affrontato il tema dell’impresa e del mondo del lavoro in ambito europeo, ha dato la possibilità di raccordare quanto appreso nell’ambito scolastico, con una modalità operativa innovativa, qual è l’alternanza. A Salamanca, infatti, gli alunni hanno potuto frequentare un corso di microlingua economica in spagnolo e visitare realtà imprenditoriali o legate al mondo dei servizi presenti sul territorio. Quindi si sono impegnati nella progettazione di imprese commerciali simulate, che hanno dato loro la possibilità di utilizzare competenze economiche e linguistiche, apprese a scuola e potenziate con l’attività.

Ma non è tutto. L’intero Consiglio ha puntato dapprima sulla personalizzazione della conoscenza per giungere allo sviluppo delle cosiddette non cognitive skills. «Tra queste la cooperatività empatica, fatta di fiducia e apertura verso gli altri componenti del gruppo di lavoro, dell’autocontrollo emotivo, indispensabile per lavorare insieme, della perseveranza nel raggiungere, con ordine e cura dei dettagli, gli obiettivi previsti, dell’apertura mentale all’esperienza, soprattutto alle novità, a stili, modi di vita e culture diverse, della capacità di cogliere ogni cosa da più prospettive in un confronto dinamico tra i vari membri», spiegano i docenti. Ciò è confermato dalle stesse alunne: «L’esperienza condotta in Spagna ci ha insegnato a lavorare in gruppo, rispettando le decisioni e le opinioni altrui, permettendoci di comprendere il senso dell’impegno e della costanza sul posto di lavoro». «L’esperienza ci ha arricchite sotto vari punti di vista - aggiungono - da quello umano a quello culturale e linguistico». E in merito a questo primo approccio con l’estero, verrà realizzato un video per documentare il lavoro svolto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA