Allarme incendio, scuola evacuata  Un mistero l’odore di bruciato in bagno

Allarme incendio, scuola evacuata

Un mistero l’odore di bruciato in bagno

I vigili del fuoco sono dovuti intervenire due volte al don Guanella, alle 10 e alle 14

Il preside: «Escluderei l’ipotesi di uno scherzo, i controlli alla caldaia sono stati negativi»

Doppio intervento dei vigili del fuoco alla scuola media Tommaso Grossi di via Amendola, nella struttura del don Guanella.

Attorno alle 10 la prima chiamata a causa di un pregnante odor di bruciato che ha subito messo in allarme i docenti, che hanno evacuato la scuola. Nel pomeriggio alle 13.50 l’odore è tornato a farsi sentire e i pompieri sono tornati sul posto.

Inizialmente si era sospettata la bravata di a alcuni studenti per interrompere le lezioni. In mattinata si era pensato infatti ad uno scherzo, ma la chiamata successiva a fine lezioni ha fatto cadere anche questa ipotesi.

«I vigili del fuoco hanno fatto tutti i controlli del caso - dice il preside Angelo De Battista - e gli impianti elettrici e di riscaldamento sono risultati perfettamente funzionanti, senza problemi. Probabilmente si tratta di un odore acre che arriva dall’esterno e che non ha nulla a che vedere con la scuola, nonostante sia fastidioso e soprattutto allarmante. Domani le lezioni si svolgeranno normalmente».

Quanto all’ipotesi di una bravata, di uno scherzo da parte degli studenti «direi che non ha grandi fondamenta - prosegue il preside De Battista - proprio perché la seconda ondata di odore di brucio è arrivata quando gli studenti erano tutti in classe e le lezioni stavano per terminare».

I


© RIPRODUZIONE RISERVATA