Airuno, ritorno alla terra con “Transizioni”  Agricoltura diffusa per le persone fragili
Cascina Rappello ad Airuno

Airuno, ritorno alla terra con “Transizioni”

Agricoltura diffusa per le persone fragili

Il progetto della cooperativa Liberi sogni è portato avanti alla Cascina Rappello. «Recuperiamo semi e colture antiche coinvolgendo chiunque desideri avvicinarsi alla natura»

Un progetto di agricoltura diffusa, che prevede il ritorno alla terra non solo come vero e proprio lavoro, ma come cultura, coinvolgendo persone fragili e non solo.

Si chiama “Transizioni” ed è promosso dalla cooperativa Liberi Sogni, insieme con numerosi altri partner, il progetto che qualche giorno fa è stato presentato a Cascina Rapello di Airuno.

«Liberi Sogni - spiega Adriana Carbonaro - è capofila del progetto che nel corso di tre anni vuole promuovere esperienze diffuse di ritorno alla terra, con la rimessa a coltura di diversi terreni incolti e il recupero di semi e colture antiche, coinvolgendo soggetti fragili e tutti coloro che desiderano avvicinarsi o riavvicinarsi alla natura».

Un bisogno, quello che Liberi Sogni ha colto, «sempre più diffuso» e che si traduce non solo nel «re-imparare a fare con le mani ri-costruendo una relazione con la natura ma anche nel rallentare, adottare ritmi di vita più simili a quelli naturali».

L’articolo completo sull’edizione di domenica 3 ottobre de La Provincia di Lecco


© RIPRODUZIONE RISERVATA