Un salvagente davanti al Sacro Cuore  L’idea c’è, ma i soldi sono sotto terra
La scalinata della chiesa scende direttamente sulla strada

Un salvagente davanti al Sacro Cuore

L’idea c’è, ma i soldi sono sotto terra

Mandello, manca il sagrato il Comune vuole proteggere i pedoni

Servono 250mila euro: torna il bando per i posteggi interrati

Un piano rialzato davanti alla chiesa del Sacro Cuore. Un salvagente di sicurezza per chi si reca alle funzioni religiose e si trova a dover fare i conti con i mezzi in transito.

Costruita in anni in cui il numero delle auto era decisamente inferiore rispetto a oggi, la chiesa del Sacro Cuore non ha un sagrato: la scala d’accesso è direttamente sulla strada.

«Un problema che va risolto - conviene l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Tagliaferri - E per risolverlo sarà necessario rivedere la strada, ovvero via don Gnocchi».

L’unico problema è quello di recuperare i soldi necessari: 250 mila euro che dovrebbero arrivare dalla vendita del sottosuolo di piazza don Carlo Gnocchi.

«Stiamo preparando il bando per alienare il sottosuolo , attualmente utilizzato come posteggio pubblico - conferma Tagliaferri - Sarà un bando appetibile, e chi acquisirà il diritto potrà scavare e realizzare dei posteggi interrati e poi rivenderli».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA