Trasferta in Costa Azzurra  per vendere l’ex Cotonificio
L’ex Cotonificio Cantoni: il Comune vorrebbe trasformarlo in hotel e in centro congressi

Trasferta in Costa Azzurra

per vendere l’ex Cotonificio

Lo stabile verrà offerto al Mercato internazionale dell’immobiliare

Il “lancio” di Regione Lombardia: «Il più forte sviluppo turistico del lago»

Ci sarà anche Bellano al Mipim, il Mercato internazionale dell’immobiliare che dal 1990 riunisce a Cannes, al Palazzo del Festival, gli operatori più influenti di tutti i settori dell’industria immobiliare dal 12 al 15 marzo.

Che ci fa il Comune tra i 26mila operatori che partecipano alla fiera?

Sarà rappresentato dalla Regione per cercare un investitore per l’ex Cotonificio Cantoni.

«Abbiamo partecipato a fine novembre alla manifestazione di interesse per la selezione dei progetti di investimento e rigenerazione urbana da presentare appunto al Mipim - spiega il sindaco Antonio Rusconi – La Regione l’ha accettata e ci ha comunicato che porterà il nostro progetto nello stand della Lombardia e della Camera di commercio, attraverso il team di AttrAct».

L’amministrazione bellanese aveva partecipato al bando AttrAct che permette di avvicinare i potenziali investitori attraverso la promozione messa in campo dalla Regione: aveva così ricevuto anche 100mila euro, a cui si aggiungono altri 25mila euro del Comune, che servono a realizzare opere pubbliche e promozione.

«A Cannes verrà presentata una scheda di sintesi relativa all’ex cotonificio - aggiunge Rusconi - La Regione lo ha presentato come “il più forte sviluppo turistico del brand lago di Como”. Speriamo nell’interesse di qualche investitore».

L’obiettivo di Regione Lombardia è stato quello di selezionare per l’evento progetti con un potenziale sul mercato nazionale ed internazionale, da presentare in fiera secondo un formato standard che susciti interesse negli operatori partecipanti.

Per i Comuni lombardi, Bellano compreso quindi, Mipim rappresenta un’opportunità per presentare ad una platea di alto livello progetti di riqualificazione o di sviluppo urbano importanti per il territorio, con l’obiettivo della promozione internazionale e della ricerca di investitori.

Terminata la fiera, il tutto resterà inserito in un catalogo digitalizzato sempre disponibile quindi per chi vuole investire.

Per l’ex cotonificio, che occupa 17.500 metri quadrati, la giunta Rusconi ha fissato i paletti per un futuro riutilizzo: una ricettività di qualità con un albergo da 120 posti letto almeno ed uno spazio per eventi espositivi e congressuali legati allo sviluppo turistico, culturale, artistico e storico sul tema “Bellano paese degli artisti” che potrebbe richiedere un investimento di circa 16 milioni di euro sulla proprietà, che è comunque privata.


© RIPRODUZIONE RISERVATA