Tamponato da un Cayenne sull’A21  Cuoco derviese muore sul colpo
L’auto su cui viaggiavano Tiziana Vitali e la compagna

Tamponato da un Cayenne sull’A21

Cuoco derviese muore sul colpo

Tiziano Vitali, 51 anni, originario di Vendrogno, stava guidando verso casa

All’altezza di Cremona l’incidente con il grosso Suv. Ferita ma non grave la compagna

Un tragico incidente è costato la vita a Tiziano Vitali, 51 anni, originario di Vendrogno ma residente a Dervio, in via Corte di giustizia dove nel 2001 aveva acquistato casa.

Una morte sul colpo per l’uomo che era al volante della sua Fiat Punto che è stata tamponata violentemente da una Porsche Cayenne.

Ricoverata a Cremona

Ferita, ma non in pericolo di vita Daniela, la compagna di Vitali che viaggiava accanto a lui che è stata ricoverata all’ospedale di Cremona.

Tutto è successo pochi minuti dopo le 18.30 di venerdì sull’autostrada A 21, alle porte di Cremona, nel territorio comunale di Persico Dosimo.

Vitali viaggiava in direzione nord, verso Brescia, quando la Porsche condotta da un cinquantenne ha tamponato l’utilitaria che è sfuggita al controllo del suo autista andando a carambolare contro il guardrail.

È stato probabilmente quello il momento in cui l’uomo ha perso la vita, per la rottura dell’osso del collo, secondo le prime notizie raccolte..

Tiziano era il secondo dei tre figli di Michele Vitali che con la famiglia ha gestito a lungo in passato l’ex albergo Americano, in centro paese, ed è presidente della Cooperativa “La Madonnina” di Vendrogno che gestisce la casa di riposo omonima in via Attilio Giordani.

Proprio lì Tiziano lavorava come cuoco dopo essere stato in precedenza gestore del bar “La noce”, l’unico del paese, oggi tenuto aperto dal sindaco Cesare Galli.

Leggi i particolari su La Provincia di Lecco in edicola domenica 18 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA