Salvato dal lago, è ancora gravissimo
Per rianimare il giovane sono state necessarie lunghe manovre

Salvato dal lago, è ancora gravissimo

Bellano, in coma il giovane di 25 anni inghiottito dalle acque

Il Comune proporrà per una benemerenza il vigile del fuoco che lo ha salvato

Sono sempre critiche le condizioni di Tiberio Toni, il giovane studente di 25 anni, di Vimercate, che martedì pomeriggio ha rischiato di annegare a Bellano, nello specchio di lago davanti alla spiaggia pubblica, a fianco del torrente Pioverna.

Il ragazzo è in coma, nel reparto di neurorianimazione dell’ospedale Manzoni di Lecco.

Ha davvero rischiato di morire dopo essere sparito nel lago, a circa tre metri di profondità, quando si è sentito male, molto probabilmente a causa di una congestione.

Gli amici che erano con lui hanno chiamato il 118 quando Toni è sparito sott’acqua ma non hanno chiamato aiuto.

L’avessero fatto, forse, il giovane forse sarebbe stato ripescato con qualche minuto d’anticipo e si sa quanto anche pochi minuti siano fondamentali per salvare una vita.

È andata bene lo stesso poiché il vigile del fuoco bellanese Eric Riva , in servizio a Lecco, è intervenuto ed è riuscito a riportarlo sulla spiaggia dove è iniziato il massaggio per far ripartire il cuore. Ci sono voluti però tre quarti d’ora, un tempo lunghissimo e drammatico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA