«Quasi mezz’ora per un’emergenza  E soccorsi arrivati su un’auto privata»
L’auto medica di Bellano ora è di stanza a Nuova Olonio

«Quasi mezz’ora per un’emergenza

E soccorsi arrivati su un’auto privata»

Il caso, il personale Areu sull’elicottero

costretto a chiedere aiuto per raggiungere il paziente

Codice rosso sulla Sp 65: una donna chiama il 112 che attiva l’elisoccorso che atterra a Bigallo, alla periferia di Esino. Fin qui tutto normale. Un po’ meno normale è ciò che è accaduto subito dopo, con l’operatore che chiede alla signora il favore di andare a recuperare l’equipe con la sua auto per accompagnarla sul luogo dell’intervento.

È successo martedì ed a denunciare l’episodio è il Comitato “Rivogliamo l’auto medica a Bellano” che ha raccolto la testimonianza.

Un uomo era a terra, alle 18.20, incosciente forse a causa di un malore; una “buona samaritana” di passaggio non ha esitato a chiamare i soccorsi.

Alle 18.49 l’elicottero è atterrato nella piazzola di Bigallo dopo avere constatato l’impossibilità di verricellare il medico direttamente sul posto: ovvero poco prima della piazzola ecologia che si trova salendo da Perledo, alla periferia del paese.

Dalla chiamata sono passati 29 minuti e nel frattempo è stato chiesto alla donna di fare il taxi per i soccorritori.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

.


© RIPRODUZIONE RISERVATA