Perledo: non si fermano  le ricerche di Mainetti
Le ricerche del Soccorso alpino anche con i cani

Perledo: non si fermano

le ricerche di Mainetti

Ancora nessuna traccia dell’uomo scomparso da martedì, il Soccorso Alpino prosegue la sua attività

Un altro giorno di ricerche è trascorso senza novità, ancora nessuna traccia di Pio Mainetti, l’uomo di Perledo scomparso martedì 14 maggio mentre faceva allenamento nella zona del monte San Defendente.

Da parte del Soccorso alpino della XIX Delegazione l’impegno rimane sempre massimo e nei prossimi giorni verranno organizzate altre attività come conferma in un comunicato lo stesso Soccorso Alpino: «Oltre un centinaio di volontari ha partecipato in questi giorni alle operazioni, con il coinvolgimento di elicotteri per il sorvolo, unità cinofile molecolari e da ricerca in superficie, squadre di tecnici specializzati nel soccorso in forra e altre figure con competenze specialistiche nell’ambito della ricerca di persone disperse. L’incontro di sabato in Prefettura tra le realtà istituzionali coinvolte nella ricerca e con la presenza di numerosi cittadini di Perledo, rappresentanti le risorse locali, ha dato vita a un confronto per la scelta di strategia da attuare nelle prossime ore. Ieri è seguito un altro incontro, più tecnico, con la valutazione delle azioni da intraprendere nei prossimi giorni. È probabile, salvo l’emergere di nuovi elementi, che le squadre continuino a vagliare i sentieri più battuti, su un’area molto estesa, che comprenda tutte le ipotesi di spostamento di Mainetti, un atleta che potrebbe avere percorso tanti chilometri».


© RIPRODUZIONE RISERVATA