Onno, questa volta i vandali  se la prendono con i fiori
Il piazzale degli alpini a Onno: qui il raid dei vandali

Onno, questa volta i vandali

se la prendono con i fiori

Nella notte raid degli incivili nel piazzale degli alpini, divelto un palo

Atti vandalici sul piazzale degli alpini a Onno. Nella notte tra sabato e domenica i i soliti ignoti hanno scelto il piazzale come obiettivo dei loro vandalismi: schiacciati tutti i fiori è stato poi divelto un palo segnaletico che ora è in bilico e rischia di cadere addosso a qualcuno. Poi non contenti hanno svegliato il vicinato con schiamazzi e rumori di motori rombanti.

Sembrerebbe infatti che durante la tarda serata e la notte un gruppo di ragazzi in moto abbia scelto in piazzale degli Alpini per divertirsi.

Un raid che arriva nella notte successiva a quello di Abbadia, con tavoli e cestini divelti e buttato sulla spiaggia, nella zona della passeggiata a lago all’altezza del parco Ulisse Guzzi.

Altri vandali recentemente avevano creato una serie di danni, consistenti, a Mandello. Prima avevano preso di mira la sala d’aspetto della stazione ferroviaria di Olcio, poi era stata la volta dei giardini di piazza Gera, dove avevano manomesso la cabina della corrente elettrica e spaccato una porta delle cucine dell’area manifestazioni.

Erano stati divelti pure i cavallotti all’incrocio tra viale Medaglie olimpiche e via Maestri comacini, finiti nel torrente Meria. La scorsa notte è toccato ad Onno, con il palo divelto e i fuori dell’aiuola appositamente schiacciati. Tanti casi, scollegati tra di loro, ma che mostrano come il problema sia radicato sul territorio, con gruppi di persone che si divertono a danneggiare la pubblica proprietà.

Non molte sere fa anche la stazione di Dervio era stata al centro di un vandalismo con il palo che sostene l’altoparlante divelto. A Onno il Comune ora dovrà intervenire per sistemare il cartello segnaletico pericolante, ed evitare che finisca addosso a qualche passante.

Quanto ai fiori verranno ripiantati con la speranza che nessuno poi si diverta nuovamente a schiacciarli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA