Esino: «Così non si va avanti  Vendo il municipio e le piazze»
Esino - Il municipio in vendita (Foto by Mario Vassena)

Esino: «Così non si va avanti

Vendo il municipio e le piazze»

La provocazione del sindaco: «Cedo i luoghi simbolo

per finanziare la nostra sopravvivenza»

Una sfida alla piaga dello spopolamento dei piccoli comuni: «Vendo i luoghi simbolo del Comune per finanziare la nostra sopravvivenza».

Il sindaco di Esino Pietro Pensa ha annunciato l’apertura di una procedura di manifestazione di interesse non vincolante per la vendita del municipio, di piazza Caprera e della “Via Crucis”.

«La vita in un piccolo paese è difficile e non possiamo biasimare le persone che decidono di trasferirsi in centri più grandi - afferma Pensa - Ma così facendo, perdiamo la ricchezza dell’artigianalità, della cultura turistica ed enogastronomica ed il valore delle tradizioni diverse che fanno dell’Italia il paese più bello del mondo».

«Come amministratori - prosegue - dobbiamo lottare ogni giorno per assicurare ai nostri concittadini di non rimanere esclusi dalle innovazioni che interessano il resto dell’Italia. Con una decisione forte metto in vendita alcuni dei luoghi simbolo del nostro paese, per poter disporre di nuove risorse economiche che ci consentano di proseguire nei progetti di sviluppo e innovazione».

L’articolo completo sul giornale in edicola.


© RIPRODUZIONE RISERVATA