Dieci milioni per l’alluvione  Ubi Banca offre un aiuto
A Dervio molto ingenti i danni alle abitazioni private

Dieci milioni per l’alluvione

Ubi Banca offre un aiuto

DervioL’istituito di credito ha messo a disposizione un plafond consistente

A disposizione di imprese e cittadini per ripristino di immobili e attività

Ubi Banca ha stanziato un plafond da 10 milioni di euro per favorire il ripristino dai danni subiti da imprese e famiglie, residenti nelle provincie di Lecco e Como, in seguito alla forte ondata di maltempo dello scorso mese di giugno.

È destinato a finanziare le spese di ricostruzione e ripristino di immobili e beni strumentali all’attività ed a concedere l’elasticità di cassa venuta meno a seguito degli eventi calamitosi.

In particolare, potrà essere utilizzato mediante operazioni chirografarie a medio e lungo termine, con durata massima di cinque anni e riduzione delle spese di istruttoria pari ad almeno il 30% del listino e operazioni a breve termine, anche per smobilizzo crediti, con l’esenzione della commissione disponibilità fondi per il primo anno.

«Vicinanza alle famiglie»

«Oltre ad esprimere la nostra vicinanza alle famiglie e aziende duramente colpite – commenta Luca Gotti, responsabile macro area territoriale Bergamo e Lombardia ovest di Ubi Banca – attraverso l’iniziativa della nostra banca intendiamo contribuire in concreto al superamento di difficoltà e disagi causati dalle calamità naturali che si sono abbattute sulle provincie lecchesi e comasche. Le nostre filiali sul territorio sono a completa disposizione per ogni informazione».Uno dei paesi più colpiti, come danni ai privati, è Dervio dove una prima stima parla di 1 milione circa segnalato alla Regione sulle schede Rasda.

«Tutto ciò che arriva a sostegno per agevolare un momento difficile è ben accetto. - commenta il sindaco Stefano Cassinelli – Il pubblico deve fare il più possibile però non tutto potrà essere rimborsato quindi il fatto che il mondo privato si attivi, è auspicabile e di ciò ne siamo ben felici».

Tutti i particolari su La provincia in edicola sabato 6 luglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA