Altolà al lungolago di Olcio  «Progetto da correggere»
Il lungolago di Olcio come si mostra oggi

Altolà al lungolago di Olcio

«Progetto da correggere»

Mandello, la Sovraintendenza ha chiesto

di apportare alcune modifiche

La Sovraintendenza tira il freno. E la riqualificazione del lungolago di Olcio rallenta.

Un brusco stop al progetto, bocciato in alcune parti. E ieri mattina la versione riveduta e corretta è stata portata direttamente agli uffici milanesi.

«La Sovraintendenza è un organismo dove il bello è soggettivo, e dove basta un nulla a rallentare i progetti - chiosa Luigi Lusardi, presidente dell’autorità di bacino, per nulla convinto degli appunti che sono stati mossi al piano originario - Nei mesi scorsi avevamo avuto un colloquio preliminare dove era stato esposto il progetto che era piaciuto. Poi, quando è passato al vaglio per il via libera, è stato bloccato a causa di alcuni piccoli dettagli da sistemare».

Il progetto rivisto e corretto è ora sul tavolo della Sovraintendenza «e ci auguriamo - prosegue Lusardi - che arrivi il parere positivo al più presto».

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA