A Maggiana tra dame, spade e boia  Il Barbarossa qui è ancora di casa
Mandello - Mai un’esecuzione capitale fu più allegra

A Maggiana tra dame, spade e boia

Il Barbarossa qui è ancora di casa

Mandello, grande festa in costume alla Torre

entrata a far parte del Sistema museale lecchese

Amuleti portafortuna, anelli con sigilli, dame e cavalieri; e poi il profumo della cera appena lavorata, le trame dei tessuti di un tempo realizzati al telaio; e ancora: scrivani, artisti di strada, fanti impegnati in duelli e boia intenti a far pagare il fio a i traditori.

Oggi pomeriggio si è aperta la tredicesima edizione della festa della Torre, organizzata dal Gamag il gruppo degli amici di Maggiana che ha in gestione l’edificio; sodalizio guidato da Emanuela Tavola.

Protagonista assoluta, la Torre del Barbarossa, inserita nel Simul, il Sistema museale lecchese.

E domani si continua a partire dalle 10.30.

L’articolo completo sul giornale in edicola domani, domenica 10 giugno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA