Verità e menzogna, l’estate sul palco ha... il naso lungo

Fitto programma per il Teglio Teatro Festival Valtellina: “Pinocchio. Storia di un burattino” apre oggi al Piatti Reghenzani la rassegna tellina. Tema ispiratore di quest’anno, l’opera di Carlo Collodi

Verità e menzogna, l’estate sul palco ha... il naso lungo
Maddalena Crippa proporrà “Deve trattarsi di autentico amore per la vita” dal Diario di Etty Hillesum

Diciassette spettacoli teatrali in concorso, di cui dieci di attori o compagnie professioniste e sei di attori o compagnie di appassionati; quindici giorni di proposte culturali da questa sera fino a giovedì 10 agosto (con un fuori programma il 25 agosto), una media di due o tre iniziative per giornata e, infine, dodici località interessate: Teglio la “regina” della cultura, Tirano, Bianzone, Chiuro e Castionetto di Chiuro, Aprica, Sernio, Tovo Sant’Agata, Mazzo, Grosio per arrivare fino a Sondrio ed Arquino.

Sono questi i numeri della nona edizione del Teglio Teatro Festival Valtellina, voluto dalla vulcanica mente di Agnese Bresesti dell’associazione “Incontri di civiltà” per portare cultura inizialmente a Teglio e in qualche paese limitrofo, ma tanto è piaciuta questa idea – accompagnata dalla presenza di attori di rilievo nel panorama nazionale – che la rassegna si è pian piano allargata andando ad interessare, anche su richiesta stessa di Comuni, altre località. Fatto sta che, quest’anno, adddirittura il Festival arriva a Sondrio nel suggestivo castel Masegra, oltre che nel nuovo Spazio Centrale, il teatro messo a disposizione da Enel Green Power ad Arquino, ed approda anche nella chiesa di san Giorgio a Grosio.

Il Festival partirà e si concluderà dove naturalmente è nato, ovvero Teglio: il sipario si alzerà questa sera alle 21 nei giardini della new entry – palazzo Piatti Reghenzani recentemente restaurato e divenuto sede di eventi oltre che della biblioteca – e si chiuderà il 10 agosto, andando a coincidere con la serata di “Poesia e musica sotto le stelle”, promossa con la biblioteca a palazzo Besta. In mezzo tantissimi appuntamenti (teatro, letture, concerti, visite guidate, un laboratorio teatrale) in diversi paesi della Valle.

«La caratteristica di ogni edizione del Festival è un tema che lo accompagna, generalmente tratto da un grande classsico – spiega Bresesti - Il 2017 sarà dedicato all’opera di Carlo Collodi, Pinocchio, che tutti hanno nel cuore e, dunque, al tema della verità e della menzogna». Sarà, infatti, la lettura interpretativa di “Pinocchio. Storia di un burattino” ad aprire il cartellone questa sera, nei favolosi giardini di palazzo Reghenzani Piatti a Telio, a cura del gruppo “Ad alta voce” diretto da Roberta De Devitiis con immagini coreografiche di Martina Medde e le sonorizzazioni di Alex De Simoni.

«Tengo molto a sottolineare la novità di quest’anno del “Cinema Festival”, che si svolgerà il 5 agosto a palazzo Piatti Reghenzani, con la proiezione de “Il gattopardo” di Luchino Visconti, in ricordo di Rino Bertini, medico e esperto di storia del cinema e critica cinematografica, e la conduzione di Maurizio Gianola». “Il gattopardo” sarà anche il testo che la raffinata Maria Paiato – che lo scorso anno aveva letteralmente incantato il pubblico – proporrà nei reading in programma il 1° agosto a Teglio, il 2 a Bianzone, il 3 a Tovo, il 4 a Tirano.

Ma ci sono altri grandi nomi: a palazzo Reghenzani Piatti (in caso di maltempo nella chiesa di san Lorenzo) a Teglio il 28 luglio Maddalena Crippa proporrà “Deve trattarsi di autentico amore per la vita” dal Diario di Etty Hillesum, mentre il 30 luglio a castel Masegra Arianna Scommegna (amica del Teglio Festival) interpreterà il “Magnificat” di Alda Merini. Spazio Centrale apre le porte al Festival con gli spettacoli diretti da Gigliola Amonini e per la serata delle premiazioni l’8 agosto. Ospite assiduo è anche Vincenzo Zitello con le sue arpe che suonerà in diverse location. Nuovo lavoro anche per il regista Gianluca Moiser che porta a Teglio “Il pendolo di Charpy”, mentre l’attore comasco Cristian Poggioni sarà protagonista di due serate: “Tradimenti” il 5 agosto a Sernio e il giorno seguente a Tirano con “Omaggio a Dario Fo”. “Un lungo pranzo” di Naos sarà a Teglio il 6 agosto, mentre il 7 Giacomo Occhi recita a Tovo. Infine due ultime chicche: il concerto di musica lirica il 7 a Mazzo e il concerto del duo pianoforte e violino con Stefania Mormone e Tiziano Giudice a Grosio l’8. Programma dettagliato sul sito www.teatrovaltellina.com.

© RIPRODUZIONE RISERVATA