“Suoni romantici” a Villa Monastero  con Bach e Schumann
Interpretazione della pianista Costanza Principe

“Suoni romantici” a Villa Monastero

con Bach e Schumann

Venerdì 18 concerto nella suggestiva dimora , organizzato dalla Provincia di Lecco e Res Musica avrà come protagonista la pianista Costanza Principe

Venerdì 18 settembre alle ore 18.30 Villa Monastero di Varenna ospiterà un concerto dal vivo intitolato “Suoni romantici”, secondo appuntamento del progetto “Il canto del vento sul lago – Suoni, colori, profumi a Villa Monastero” promosso, con la direzione artistica di Angelo Rusconi, dalla Provincia di Lecco in collaborazione con l’associazione Res Musica.

Il programma

Il concerto, che avrà come protagonista la pianista Costanza Principe, s’inserisce nel ciclo di eventi che si propone la valorizzazione dell’archivio di Villa Monastero che conserva lettere di alcuni rappresentanti della Scapigliatura lombarda come Antonio Ghislanzoni, Amilcare Ponchielli, Vespasiano Bignami e Roberto Fontana; archivio al quale sarà dedicata una mostra in programma per ottobre.

Il concerto sarà preceduto, alle 17.30, da una visita guidata a cura di Anna Ranzi, Conservatore della Casa Museo. La visita, organizzata in gruppi di dieci persone, sarà l’occasione per un approfondimento sulle lettere di Antonio Ghislanzoni.

Il programma del concerto “Suoni romantici” prevede l’esecuzione di due capolavori della letteratura musicale di ogni tempo: la Ciaccona dalla Partita n. 2 in re minore per violino di Bach, nell’ardita trascrizione per pianoforte realizzata nel 1892 dal compositore e pianista italiano Ferruccio Busoni, e la Fantasia in do maggiore opera 17 del 1836 di Robert Schumann. Se la famosa Ciaccona di Bach, che ha ispirato tantissimi compositori, nella versione di Busoni trova un “effetto sonoro in senso organistico” che consente di sfruttare molte delle “possibilità espressive del moderno pianoforte, inventando una sonorità para-organistica di enorme importanza in campo pianistico”, la Fantasia di Schumann, originariamente concepita per raccogliere fondi destinati a un monumento dedicato a Beethoven, trasporta l’ascoltatore nel fantastico e visionario mondo poetico-musicale del compositore tedesco che in una lettera all’amata Clara Wieck scrive: «Il primo tempo è davvero quanto di più appassionato abbia mai scritto: un profondo lamento per te».

L’artista

La pianista milanese Costanza Principe, diplomatasi brillantemente al Conservatorio Verdi, si è perfezionata a Londra alla Royal Academy of Music. Attualmente è iscritta ai Corsi di perfezionamento dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma con Benedetto Lupo. Vincitrice di concorsi pianistici, suona, sia in recital sia come solista con orchestra, per le più rinomate società di concerti in Italia, Francia, Inghilterra e Sud America.Ingresso 10 euro con prenotazione obbligatoria attraverso il circuito Vivaticket. Al termine, possibilità di un aperitivo al costo di 7 euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA