Mick Jagger da Cernobbio  alla laguna per Capotondi
Claes Bang, Elizabeth Debicki, Mick Jagger e Giuseppe Capotondi a Venezia

Mick Jagger da Cernobbio

alla laguna per Capotondi

L’ultima giornata della Mostra d’arte cinematografica ha visto la presentazione di “The Burnt Orange Heresy”, girato in parte sul lago di Como: ecco una clip del film

Inganni e apparenze, sincerità e menzogne, perché nel mondo dell’arte, alla fine, nulla è davvero come sembra. La Mostra d’arte cinematografia di Venezia cala oggi il sipario sull’edizione numero 76 addentrandosi proprio in questi confini, e lo fa grazie a “The Burnt Orange Heresy”, diretto da Giuseppe Capotondi, adattamento del romanzo dello scrittore americano Charles Willeford, “Il quadro eretico”, uscito in Italia nel 1996, edito da Bompiani. Il film è stato girato in parte sul lago di Como e vede Mick Jagger, cantante dei Rolling Stones, nei panni di un collezionista d’arte con residenza a Villa Pizzo di Cernobbio. Nel cast anche Donald Sutherland, l’attrice australiana Elizabeth Debicki e Claes Bang.

«Il lago di Como - ha spiegato il regista - ci ha offerto la possibilità di realizzare nel film un’atmosfera alla Hitchcock: per noi ha avuto il ruolo che la Costa Azzurra in “Caccia al ladro”».

L’articolo completo di Andrea Giordano nell’edizione de La Provincia in edicola domenica 8 settembre


© RIPRODUZIONE RISERVATA