“Al Cavallino Bianco”:  torna il sorriso dell’operetta
Elena D’Angelo, direttrice della compagnia che porta il suo nome

“Al Cavallino Bianco”:

torna il sorriso dell’operetta

Como: il titolo di Ralph Benatzky e Robert Stolz stasera al Sociale. Sarà la Compagnia Elena D’Angelo a curare l’elegante allestimento

“Al Cavallino Bianco” è il nuovo titolo d’operetta che vende incontrarsi il Teatro Sociale di Como e la Compagnia di Operette Elena D’Angelo.

Sull’onda della felice collaborazione che si protrae ormai da qualche anno, alle 20.30 di oggi sabato 22 febbraio l’operetta torna a far capolino nel cartellone della Stagione Notte del Sociale con il tripudio di equivoci, malintesi e divertimento che caratterizza il titolo creato novant’anni fa da Ralph Benatzky e Robert Stolz. La brillante Elena D’Angelo, stavolta nei panni di Gioseffa Vogelhuber, il cast di cantanti professionisti della compagnia composto da Matteo Mazzoli (Leopoldo Brandmayer), Francesco Tuppo (Avvocato Bellati), Gianni Versino (Zanetto Pesamenole), Merita Dileo (Ottilia), Stefano Menegale (Rudy), Serge Manguette (Sigismondo Cogoli), Giada Bardelli e Carlo Randazzo (Claretta e il Professor Hinzelmann) Paola Scapolan (Guida) e Carlo Randazzo (l’Arciduca) promettono romanticismo, immancabile lieto fine e tanta musica dal vivo sostenuta dall’Orchestra Grandi Spettacoli di 10 giovani musicisti diretta da Sabina Concari. Completa la compagnia il corpo di ballo formato dagli otto ballerini di Arte Danza University per la produzione del Gruppo da Camera Caronte.

“Al Cavallino Bianco” rimane una delle operette più amate e viste del pianeta: andata in scena per la prima volta l’8 novembre 1930 al Großes Schauspielhaus di Berlino, proibita nella Germania nazionalsocialista a causa dei suoi coautori ebrei, replicata 650 volte al London Coliseum di Londra dal 1931, l’operetta di Benatzky e Stolz è un cavallo di battaglia del Teatro Lirico di Milano dallo stesso 1931 grazie alle musiche briose, alla solarità dell’immancabile ambientazione montana e alla tipicità al confine fra classica operetta vera e nascente commedia musicale con in suoi veri e propri quadri da teatro di rivista.

La Compagnia di Operette Elena D’Angelo porta stabilmente “Al Cavallino Bianco” fra i propri titoli destinati ad accendere i riflettori dei palcoscenici italiani sul mondo dell’operetta, strizzando l’occhio anche al pubblico più giovane.

La sua fondatrice e produttrice ne cura gli eleganti allestimenti in qualità di scenografa e costumista, affidando coreografia e regia a Serge Manguette. Co-protagonista con Michele Placido nello spettacolo “...E una sera a teatro...” con la regia di Gerardo Amato, Elena D’Angelo è stata per dieci anni prima attrice soubrette-soprano della storica Compagnia Italiana di Operette nei più importanti teatri italiani, diventandone direttrice artistica nel 2011. La compagnia che porta il suo nome compie nel 2020 sei anni.

I biglietti dello spettacolo al Sociale, a 35 / 19 euro, sono disponibili al botteghino di piazza Verdi oppure online su teatrosocialecomo.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA