Vercurago, afferra una ragazza  e tenta di caricarla in auto, lei scappa
Via San Mauro dove è accaduto il grave episodio

Vercurago, afferra una ragazza

e tenta di caricarla in auto, lei scappa

L’inquietante episodio è accaduto alcune sere fa in via san Mauro alle 23.3

La ventenne è stata avvicinata da uomo che l’aveva seguita, ha sporto denuncia ai carabinieri

Stava camminando lungo via San Mauro, tornando verso casa dopo una serata con gli amici, quando un uomo l’ha afferrata e ha cercato di caricarla sulla propria auto. È però riuscita a divincolarsi ed è fuggita, mentre l’aggressore faceva perdere le sue tracce.

I fatti

I Carabinieri stanno indagando per fare luce sulla vicenda denunciata da una ragazza di Vercurago, che ha spiegato di aver subito questo approccio indesiderato nella tarda serata dello scorso venerdì. Un’aggressione della quale la mamma della giovane ha dato conto con un post su Facebook, per invitare i compaesani a fare attenzione.

Erano circa le 23.30 e la ventunenne stava rincasando dopo aver salutato gli amici che, in auto, l’avevano lasciata all’altezza del cimitero del paese. La ragazza si era incamminata lungo via San Mauro per raggiungere la propria abitazione, quando – giunta all’altezza del bivio con via Monte Barro – aveva notato un’auto grigia con a bordo un uomo che pareva essere in attesa di qualcuno.

La giovane aveva quindi allungato il passo. Era stato a quel punto che il conducente l’aveva seguita per qualche decina di metri, percorrendo la strada contromano e scendendo quindi dalla vettura. Una volta raggiunta, l’aveva afferrata per un braccio cercando di tirarla verso l’auto.

La ventunenne, però, era riuscita a sfuggire alla presa ed era tornata di corsa verso la Lecco-Bergamo, contando che il maggior flusso di persone sulla strada provinciale le garantisse la sicurezza necessaria a mettersi in salvo. Era arrivata fino all’incrocio principale e qui era stata notata dal titolare della pizzeria d’asporto, che si era offerto di accompagnarla a casa.

La giovane però aveva già chiamato gli amici, che erano tornati a prenderla e l’avevano portata in auto fino alla sua abitazione.

Il servizio completo su La Provincia di Lecco in edicola martedì 26 maggio


© RIPRODUZIONE RISERVATA