Valmadrera, monopattino “taroccato”

Cinquemila euro di multa e sequestro

Il peruviano di 47 anni lo aveva trasformato in ciclomotore e correva sul lungolago fino a Malgrate

Ammende per il mancato libretto, patente , casco e assicurazione: sconto del 30% se paga subito

Valmadrera, monopattino “taroccato” Cinquemila euro di multa e sequestro
Il monopattino elaborato finito sotto sequestro

Sfrecciava a 51 chilometri all’ora in lungo (lago) e in largo tra Valmadrera a Malgrate in sella al suo monopattino: potenziarlo era solo una delle elaborazioni alle quali un 47enne peruviano residente a Chiavenna aveva sottoposto il suo veicolo, finito sequestrato dalla polizia intercomunale; tutte gli sono costate carissime.

Mancano regole

«L’episodio, sconcertante e grave in sé - commenta il comandante, Cristian Francese - è peraltro la punta di un iceberg destinato ad assumere proporzioni estremamente ingenti e preoccupanti, se la legislazione non porrà un freno; da alcuni giorni è perlomeno subentrato l’obbligo del casco.

In generale, il problema principale è che il monopattino è una sorta di giocattolo, con pochissime limitazioni normative. Il cittadino di Chiavenna è stato sanzionato perché, oltre a violare il limite di velocità, che è di 30 chilometri orari, lo ha dotato di sellino, così assimilandolo a un ciclomotore e pertanto sono scattati tutti gli obblighi conseguenti. Non è perseguibile, invece, la modifica stessa del mezzo, in quanto privo di libretto di circolazione che fissi gli standard omologati». L’uomo è stato fermato da una pattuglia della polizia intercomunale al confine di Valmadrera con Malgrate alle 21.30 di giovedì.

Il monopattino era stato personalizzato con luci vivaci e sfrecciava ad alta velocità, così la prima sanzione avrebbe potuto essere, al massimo, di 695 euro e 3 punti in meno da una patente che, però, il cittadino ha dimostrato di non possedere: avendo trasformato il monopattino in ciclomotore, avrebbe dovuto avere conseguito l’abilitazione, invece ha detto di avere la patente di guida dell’automobile, risultata tuttavia scaduta, conseguita all’estero e mai rinnovata nonostante risiedesse da oltre un anno in Italia: il conto è schizzato a 5mila euro, scontato del 30%, cioè a 3.700 se pagherà subito. Non solo: 18 euro per non avere avuto il documento con sé, 58 per essere stato sorpreso senza casco e, soprattutto, altri 606 euro per il fatto che lo pseudo monopattino era senza assicurazione, obbligatoria per il ciclomotore in cui era stato tramutato. Oltre 6.300 euro, in totale. Ovviamente, il mezzo è stato sequestrato.

Tutti i particolari su La provincia di Lecco in edicola domenica 3 ottobre

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA