Valmadrera, fondazione per l’Opera Pia Ma sarà completamente pubblica
Uno scorcio dell’ingresso della casa di riposo

Valmadrera, fondazione per l’Opera Pia
Ma sarà completamente pubblica

Il sindaco conferma che non entreranno privati nella gestione della casa di riposo - «Struttura più flessibile, ma si continuerà a garantire l’attenzione verso tutti i casi sociali»

«La fondazione che gestirà l’Opera Pia Magistris sarà a totale capitale pubblico: il Comune sarà totalmente coinvolto. Non è previsto l’ingresso di privati. Non cambierà sostanzialmente nulla per i dipendenti, né per gli ospiti»: il sindaco, Antonio Rusconi, traccia l’identikit della nuova casa di riposo.

«È un progetto sul quale – ricorda - l’amministrazione comunale sta lavorando da tempo: in particolare, con una delibera della giunta Crippa del settembre 2018 si è preso atto dello studio sulla fattibilità giuridica e amministrativa di differenti modelli gestionali, predisposto dal legale incaricato. Inoltre, l’orientamento era chiaramente indicato nel programma elettorale dell’amministrazione attuale».

La fondazione è un ente morale, dotato di personalità giuridica, che non persegue scopi di lucro e che ha quale elemento costitutivo i beni vincolati al fine sociale: questa è stata individuata come la strada migliore da parte del Comune, attualmente gestore diretto del ricovero. Valutato lo studio dell’avvocato Luca Enrico Degani, di Milano, l’amministrazione ha scartato altre forme, tra cui l’affidamento della gestione in concessione mediante appalto pubblico.

I particolari su “La Provincia di Lecco” in edicola sabato 27 luglio


© RIPRODUZIONE RISERVATA