Valmadrera, cede muro di tre metri  Detriti nel torrente Rosè e sul sentiero
I vigili del fuoco sul luogo della frana

Valmadrera, cede muro di tre metri

Detriti nel torrente Rosè e sul sentiero

La recinzione è di un’abitazione privata, terzo episodio nell’arco di pochi giorni

Sul posto i vigili del fuoco che hanno protetto l’area, timori per la sicurezza in caso di piena

Altra frana, questa sera, a monte del centro città: si è verificata all’altezza dell’imbocco per il sentiero che conduce al Sasso Preguda, poco oltre piazza Rosé. A cedere è stato il muro di contenimento che recintava una proprietà privata: una seconda casa.

Attenzione alta

È il terzo fatto nell’arco di pochi giorni, avvenuto in città, dove l’attenzione è quindi alta. Sul posto sono subito intervenuti i Vigili del fuoco e l’assessore Giuseppe Anghileri.

«Riteniamo – ha riferito quest’ultimo – che la causa sia riconducibile al maltempo e agli eventi dei giorni scorsi, ma non sia da ricercarsi in un episodio singolo, bensì probabilmente in un cumulo di circostanze».

Di fatto, questa sera verso le 19, il muro – alto circa tre metri – ha ceduto, sotto il peso del terreno che doveva contenere: frammenti del manufatto, di qualche metro quadrato e altri detriti, oltre al terreno stesso, sono scesi lungo la scarpata, finendo nell’alveo del torrente Rosé, nell’imminenza di una settimana di meteo incerto, se non addirittura di forti piogge.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola il 7 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA