Un tesoro fatto di mattoni

Che il Comune non usa

Calolziocorte, tanti in città

gli immobili municipali vuoti e inutilizzati

Un tesoro fatto di mattoni Che il Comune non usa
Il distretto sanitario ormai in disuso: una grande volumetria lasciata a se stessa

C’è un grande, enorme patrimonio immobiliare inutilizzato e che gradualmente si sta degradando, a Calolzio. Da ex strutture di importanza sovracomunale superate dalle nuove realizzazioni, a edifici nuovi ai quali non si riesce a dare una nuova finalità, gli stabili di proprietà comunale mestamente vuoti sono numerosi.

Si va dall’ex distretto sanitario che domina piazzale Kennedy alla vecchia scuola elementare di Sala, entrambe abbandonate nel momento in cui sono state costruiti ex novo poliambulatorio e plesso scolastico. Ci sono l’ex portineria della Sali di Bario in via Stoppani (usata provvisoriamente dalla protezione civile) e lo spazio commerciale nel sottopiazza Vittorio Veneto.

Da non dimenticare poi l’ex direzione didattica del Pascolo e la parte del vecchio cinema Manzoni che, in via Galli, sarebbe dovuta diventare una grande sala polivalente, a completamento dell’operazione che ha portato alla creazione della nuova sala civica.

L’articolo completo sul giornale in edicola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA