Un altro week end con la galleria vietata   Installate le prime luci ma niente ciclisti
Nonostante il divieto i ciclisti hanno creduto che finalmente ieri la galleria fosse transitabile

Un altro week end con la galleria vietata

Installate le prime luci ma niente ciclisti

La notizia degli interventi notturni aveva fatto credere che fosse percorribile

In realtà l’intervento non è ultimato quindi possono transitarvi solo i mezzi a motore

Delusione e perplessità, oggi davanti alla galleria di Paré: in un altro sabato di sole quasi primaverile, decine di ciclisti si sono ritrovati la strada sbarrata dalla segnaletica, mentre avrebbe dovuto essere la giornata in cui lasciarsi finalmente alle spalle limitazioni, divieti, pericoli.

Nella notte tra il 19 e il 20 gennaio era stata, infatti, preannunciata dalla Provincia la chiusura al traffico della galleria, per la sostituzione delle luci: ieri, i ciclisti - ai quali il passaggio è vietato da mesi - sono accorsi, come per una sorta di liberazione. Macché: si sono ritrovati invece di fronte il cartello «Galleria non illuminata»; ad aggravarne lo sconforto, all’interno si notavano, invece, risplendere le nuove luci. Inutile dire che, di fronte al guazzabuglio, ben pochi hanno girato la bicicletta per tornare verso casa o affrontare il lungo giro passando da Valbrona: i più ci hanno dato dentro sui pedali e, ritenendo la segnaletica incomprensibile, hanno imboccato la galleria ugualmente; non è successo sicuramente solo ieri: anzi, numerose testimonianze si susseguono da tempo, da parte di automobilisti e residenti, perché i ciclisti utilizzano la galleria nonostante il divieto Che cosa sia successo adesso, lo ha spiegato il responsabile del settore Viabilità della Provincia, l’ingegner Angelo Valsecchi: «Nella notte tra venerdì e sabato abbiamo iniziato la sostituzione delle luci, ma l’intervento non è ultimato: richiederà più notti di lavoro; al termine, la galleria potrà essere riaperta ai ciclisti».

Servizio su La Provincia di Lecco in edicola domenica 21 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA