SPARATORIA DI OLGINATE  CONTINUA LA CACCIA ALL’UOMO
Olginate - Scientifica sulla scena del crimine in via Albegno (Foto by Barbara Bernasconi)

SPARATORIA DI OLGINATE

CONTINUA LA CACCIA ALL’UOMO

Le forze dell’ordine cercano Stefano Valsecchi

imprenditore calolziese di 53 anni

Controlli serrati in tutta la provincia, e non solo, per cercare di fermare l’autore dell’assassinio di Salvatore De Fazio, 47 anni di Olginate, e del ferimento del fratello Alfredo, 50 anni. Il fatto di sangue era avvenuto ieri pomeriggio, attorno alle 14, in località Santa Maria, sempre a Olginate.

Sul taccuino delle forze dell’ordine sono scritti un nome e un cognome: Stefano Valsecchi, 53 anni, imprenditore di Calolzicorte. Proprio contro di lui erano stati puntati gli indici dei parenti dei De Fazio subito dopo la sparatoria.

A causare il tragico confronto è stato un vero e proprio regolamento di conti tra le famiglie: un figlio di Salvatore De Fazio e uno di Valsecchi sarebbero da tempo in lite l’uno contro l’altro. E nella notte antecedente l’omicidio, il 25enne Michele Valsecchi era stato malmenato in via Cesare Cantù (anche se lui ai carabinieri aveva raccontato di essere semplicemente caduto), finendo poi in ospedale per un trauma cranico. Di qui la spropositata reazione del padre.

Gli investigatori stanno aspettando di poter interrogare Alfredo, ricoverato in gravi condizioni all’ospedale del Circolo a Varese. Non rischia la via, ma la pallottola di piccolo calibro che gli attraversato il viso da guancia a guancia, spaccandogli la mandibola, non gli permette per ora di parlare. Forse sarà sentito domani.

Intanto, come si diceva, continua la caccia all’uomo. Anche se non è escluso che Valsecchi possa consegnarsi spontaneamente nelle prossime ore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA