Scontro auto contro moto a Pescate

Paura per un motociclista, ma è salvo

L’incidente nel primo pomeriggio all’altezza della concessionaria Renault

Alessandro Fontana si è visto tagliare la strada dal veicolo, trauma cranico, traffico in tilt

Scontro auto contro moto a Pescate Paura per un motociclista, ma è salvo

Ancora un incidente stradale oggi pomeriggio attorno alle 14 nel comune di Pescate che ha letteralmente mandato in tilt il traffico su una delle vie più trafficate.

Uno scontro spettacolare che ha visto una moto terminare la sua corsa contro un’automobile che stava svoltando verso la concessionaria Renault, in via Roma esattamente sotto il cavalcavia della Statale 36. L’incidente per fortuna ha avuto conseguenze più lievi rispetto alla dinamica del sinistro . Il tremendo botto dei due veicoli hanno richiamato molte persone sia dalla concessionaria Renault stessa che dagli uffici e dalla fabbrica a due passi dalla strada, ma anche vetture che transitavano sul lato opposto cioè in direzione Olginate.

Il casco l’ha protetto

La prima scena è stata un uomo di 59 anni Alessandro Fontana a terra con casco ancora ben allacciato che ha sicuramente attutito l’impatto contro la vettura . Subito i primi soccorsi per vedere le condizioni dell’uomo che lamentava un forte dolore alla gamba e al ginocchio e riportava un trauma cranico facciale. Ma lo stesso uomo si è subito dimostrato cosciente e collaborativo con i primi soccorritori che più di tanto non potevano fare prima dell’intervento dei sanitari. Il fondo stradale viscido e le condizioni di pioggia probabilmente hanno tratto in inganno il guidatore dell’auto che ha svoltato a sinistra (provenendo da Lecco) per girare in concessionaria. Inutile il tentativo del motociclista di evitare in tutti i modi l’impatto con la vettura che gli ha letteralmente tagliato la traiettoria. Anche il tentativo di frenata è stato inutile ma provvidenziale ancora una volta è stato il casco, anche se l’uomo a terra sanguinava dal viso probabilmente per una botta ricevuta durante l’impatto con l’automobile.

I particolari su La Provincia in edicola giovedì 5 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA