Sala, asilo verso la chiusura  Ristrutturare costa troppo
La scuola materna a Sala: il suo futuro è sempre più a rischio

Sala, asilo verso la chiusura

Ristrutturare costa troppo

Il sindaco: «Ipotesi impraticabile per tempi e importo»

A giorni l’incontro con insegnanti e genitori: si va verso un solo plesso

La scelta non è ancora definitiva, ma la scuola materna di Sala potrebbe non riaprire più i battenti. È questo, infatti, l’orientamento dell’amministrazione comunale, basato sulle evidenze che sono emerse con le analisi strutturali e un prospetto dei relativi – ingenti – costi di ristrutturazione.

A metà settimana, il sindaco Marco Ghezzi, col consigliere delegato Fabio Mastroberardino, incontrerà ancora una volta insegnanti e genitori delle scuole di Sala, per illustrare il futuro che contano di dare al territorio. Un futuro che dovrebbe essere articolato su un solo plesso, anziché su due come avvenuto fino allo scorso settembre, quando il rischio di crolli ha imposto l’immediata chiusura dell’edificio di via Erta. «In questo momento siamo orientati a dismettere la materna –spiega il primo cittadino -, in quanto la ristrutturazione del plesso è impraticabile per tempi e costi. Sarebbe più facile e con un quadro economico più definito demolire e ricostruire da zero».

Per ora, comunque, stante la convivenza forzata in corso tra materna ed elementare nella scuola primaria di via Ausonia, è necessario intervenire per adeguare l’edificio alle nuove esigenze. Durante le festività natalizie si procederà con l’installazione di servizi igienici su misura dei più piccoli, alla costruzione di un tavolato (per separare fisicamente i diversi ordini di scuola ) e alla posa di un paio di porte. «La priorità è rendere la primaria sicura e agibile per tutti. Poi, sentite tutte le parti in causa, prenderemo le decisioni definitive, che comunque non “sacrificheranno” nessuno in quanto a qualità del servizio e degli spazi» è la conclusione del primo cittadino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA