Polizia, siamo ai dettagli finali
Trasloco imminente agli ex Sali

Calolziocorte. Per il Corpo del dirigente Gavazzi cambio sede a inizio 2022 In queste ultime settimane si lavora su anti-intrusione e collegamenti fibra

Polizia, siamo ai dettagli finali Trasloco imminente agli ex Sali
La struttura ex Sali di Bario, nei pressi della stazione, che ospiterà il futuro comando della Polizia locale

Il trasferimento degli uffici della Polizia locale dall’attuale sede (vale a dire all’interno del municipio di piazza Vittorio Veneto) alla palazzina dell’ex Sali di Bario in via Stoppani, dovrebbe essere ormai questione di poche settimane. Tra la fine gennaio e febbraio, come stabilito da tempo, i “ghisa” del comandante Andrea Gavazzi dovrebbero trovare posto al piano terra dell’edificio ristrutturato, che ospiterà al piano primo anche la nuova sala civica.

In questo scorcio di fine anno, l’amministrazione sta portando a termine gli ultimi interventi per fare in modo che, con l’inizio del 2022, la Polizia locale possa traslocare. Anzitutto, ci sono gli interventi riguardanti il potenziamento del sistema di videosorveglianza, con i collegamenti in fibra ottica che richiedono qualche centinaio di metri. Nel frattempo, si sta lavorando per la realizzazione del sistema anti-intrusione nell’edificio.

È di pochi giorni fa l’affidamento ad una ditta specializzata dell’incarico per mettere sotto controllo la struttura con impianto che costerà poco meno di 17mila euro e che dovrebbe essere installato prima della fine dell’anno. Con il trasferimento degli uffici della polizia locale, l’amministrazione Ghezzi concluderà un’operazione che, sulla carta, doveva essere effettuata entro la fine del 2019. La pandemia e tutti i problemi che ne sono conseguiti ha tuttavia determinato un ritardo di oltre due anni. Ora, però, è quasi tutto pronto.

Questi due anni, d’altra parte, non sono passati invano. Come detto, il sistema di videosorveglianza non solo è cresciuto, con l’installazione di nuove telecamere e occhi elettronici ai varchi cruciali della città, ma è stato anche migliorato sotto il profilo tecnico e tecnologico.

I recenti episodi di microcriminalità (la rapina in piazza Vittorio Veneto di qualche settimana fa e quella in via Santi Cosma e Damiano a ottobre) così come l’arrivo di centinaia di adolescenti in stazione per partecipare alle riprese dell’ultimo video di un rapper, ma anche le aggressioni, come quella patita da un extracomunitario sui binario quest’estate, hanno inoltre confermato la criticità di un punto come la stazione ferroviaria. La presenza degli agenti a poche decine di metri permetterà interventi più frequenti.

Non va inoltre trascurato anche il fatto che, grazie al trasferimento, l’amministrazione riuscirà a recuperare spazi all’interno dell’edificio del Comune. Spazi sulla cui destinazione, come precisato dall’assessore ai lavori pubblici Dario Gandolfi, al momento non è stata presa alcuna decisione ma che potrebbero consentire una riorganizzazione degli uffici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA