Oggiono,  sostegno “calmierato”  Universitari al servizio degli studenti
Agli alunni delle medie e superiori ore di sostegno con universitari

Oggiono, sostegno “calmierato”

Universitari al servizio degli studenti

Il progetto coinvolge il Polo territoriale Brianza Est ed è rivolto ai ragazzi delle scuole Opportunità per giovani tra i 19 e 25 anni , saranno pagati 10 euro lordi . Parte ora fino a giugno

Si è svolta l’altra sera la presentazione del progetto “Oggi-studio”, sperimentale, per il sostegno ai ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado; hanno assistito diversi genitori, interessati ad avvalersene per i figli, nelle diverse materie.

Per ora un’unica sede

Il progetto rappresenta un’opportunità anche per universitari, neodiplomati e neolaureati (da non più di un anno, di età compresa tra 19 e 25 anni) che verranno coinvolti nel prestare il servizio: attualmente, si sono candidati dieci universitari, che offrono cinque ore a testa, ovvero un pomeriggio la settimana, limitando per intanto la frequenta agli alunni residenti nel circondario. Per adesso, Oggiono sarà l’unica sede delle lezioni, salvo poi individuarne anche altre. Il sindaco, Chiara Narciso, illustra «con orgoglio» l’iniziativa: «L’area è quella del “Polo territoriale Brianza Est”: Annone, Castello, Colle, Dolzago, Ello, Galbiate, Oggiono, Sirone, sia per gli utenti, sia per coloro i quali sono interessati a collaborare a queste attività di sostegno didattico e di insegnamento supplementare, da dicembre al prossimo giugno, nelle discipline di loro interesse. Attraverso un apposito sito, si potranno incrociare le disponibilità con le necessità degli alunni in difficoltà; ad ogni collaboratore verrà riconosciuto un compenso lordo orario di dieci euro. È prevista la supervisione di un educatore professionale»: Simone Buzzella, della “Sineresi”, ha partecipato all’incontro, con tre degli universitari che hanno accettato di esserci, per spiegare nel corso della serata i motivi che li hanno spinti a mettersi in gioco.

Per la Narciso «la decisione della supervisione risponde agli intenti anche educativi del progetto, che non si vuole limitare all’erogazione di ripetizioni (peraltro, calmierate in termini di costo e di ore che gli studenti possono offrire) per il solo successo scolastico in termini di voto, bensì anche di garantire un valore aggiunto e il contatto con le famiglie».

Accessibilie a tutti

“Sineresi” parla di «opportunita di intraprendere un percorso di autonomia economica all’ insegna della legalità ed al contempo dare la possibilità ai ragazzi che ne hanno bisogno e alle loro famiglie la possibilità di usufruire di questa forma di supporto allo studio a condizioni particolarmente accessibili».


© RIPRODUZIONE RISERVATA