Muore di Covid l’alpino Egidio Riva        «Dove serviva aiuto, lui c’era sempre»
Egidio Riva con il gruppo Alpini di Pescate

Muore di Covid l’alpino Egidio Riva

«Dove serviva aiuto, lui c’era sempre»

Il lutto Pescate e Garlate piangono la colonna storica delle penne nere, scomparso a 74 anni Il figlio Omar: «Papà era generoso e pronto al sorriso». Era ricoverato all’ospedale Manzoni

Da Pescate a Garlate. È un lutto che ha colpito due comunità, quello della morte di Egidio Riva , 74 anni, elettricista in pensione, volontario e storica colonna del gruppo Alpini di Pescate e militante della sezione di Olginate, Garlate, Valgreghentino e Pescate della Lega.

La notizia si è diffusa ieri, sollevando commozione e cordoglio tra le tantissime persone che lo hanno conosciuto e amato. Riva si è spento all’ospedale “Alessandro Manzoni” dove era ricoverato da giorni ormai a causa delle complicanze causate dal Covid-19..

Non discuteva mai

Come conferma il figlio Omar, che è stato per anni consigliere comunale con l’ex sindaco Maria Tammi e all’opposizione nel precedente mandato dell’attuale primo cittadino, Giuseppe Conti. Tanti i ricordi che conserva del padre: «Dove serviva aiuto, lui c’era. Non gli interessava comandare, discutere. Chiedeva solo cosa potesse fare. Papà era così, generoso, pronto ad aiutare e a fare e lo faceva sempre sorridendo. Non esiste una sola foto in cui lui non stesse sorridendo»

Anche Dante De Capitani , sindaco di Pescate ha voluto partecipare al ricordo: «La scomparsa dell’alpino Egidio Riva lascia un vuoto nella comunità pescatese. Ricordiamo con commozione il grande impegno civile e sociale che ha contraddistinto tutta la sua vita» racconta.

Altri particolari su La Provincia di Lecco in edicola giovedì 6 gennaio


© RIPRODUZIONE RISERVATA