Le guardie giurate ai giardini pubblici

Contro i maleducati della domenica

Mandello: la polizia locale non può arrivare dappertutto

e il Comune ricorre ai “vigilanti”

Le guardie giurate ai giardini pubblici Contro i maleducati della domenica
Uno scorcio dei giardini di piazza Era
(Foto di Foto Cardimnio/archivio)

Guardie giurate ai giardinidi piazza Gera. Hanno fatto la loro comparsa domenica scorsa, 24 luglio, torneranno ai giardini domenica prossima e quella seguente, 7 agosto, dalle 8 alle 14.

Spiega il sindaco, Riccardo Fasoli: «Le guardie giurate, che già effettuano per conto del Comune la vigilanza dei maggiori edifici pubblici come le scuole, ai giardini di piazza Gera hanno solo la facoltà di invitare coloro che stanno trasgredendo le regole, a non farlo. Qualora l’invito sia ignorato, le guardie hanno solo ed unicamente la facoltà di allertare le forze dell’ordine, che siano gli agenti della polizia locale o i carabinieri. C’è troppa maleducazione e i primi ad andarci di mezzo sono proprio coloro che le regole, invece, le rispettano».

Fasoli non si ferma più. cita le “durissime” prese di posizione dei colleghi di Oliveto Bruno Polti e Malgrate Flavio Polano: il primo che ha chiuso la spiaggia della Fornace per maleducazione e rifiuti da tutte le parti, il secondo che ha giustamente evidenziato che il lungolago del suo paese non sia un lido e, anche lui, prospettando il ricorso alle guardie private.

L’articolo su La Provincia di Lecco del 28 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA