Intervento di consolidamento  Scuole elementari più sicure
Il plesso scolastico di Cassina de’ Bracchi che sarà interessato dai lavori

Intervento di consolidamento

Scuole elementari più sicure

Affidato il progetto per i lavori di adeguamento anti sismico

Il cantiere potrà anche apportare migliorie all’edificio di Cassina de’ Bracchi

Entra nel vivo l’intervento di adeguamento antisismico alla scuola elementare di Cassina de’ Bracchi.

L’amministrazione comunale ha dato l’altro ieri l’incarico per la progettazione definitiva ed esecutiva al raggruppamento temporaneo di professionisti costituito dall’ingegner G iulio Ronchetti, l’ingegner Cristian Conti e l’ingegner Lisa Ronchetti di Galbiate, per un importo complessivo di 25 mila euro.

È un intervento complicato dal punto di vista logistico, per gestire il cantiere e lo spostamento degli alunni in altre sedi. L’amministrazione comunale ha già sperimentato questa soluzione per l’intervento al polo di Grassi, fatto l’anno scorso grazie agli spazi finanziari ottenuti, per 400 mila euro, e intende replicare le stesse modalità per il polo di Bracchi.

«I lavori potranno essere anche l’occasione per apportare alcune migliorie alla scuola così come abbiamo pensato ai tempi dell’intervento su Grassi, ad esempio tutto il rifacimento della facciata e la riqualificazione degli interni, e anche su questi aspetti intendiamo confrontarci con le famiglie e gli insegnanti», spiega l’assessore all’istruzione Fabio Crippa.

Il plesso di Bracchi è stato costruito 1931, quindi sono stati realizzati interventi per ampliamento con una nuova aula per ogni piano nel 1954, è stato fatto un ampliamento per servizi e sala collettiva nel 1965, poi è stata realizzata la palestrina e l’ascensore nel 1984 mentre l’ultimo intervento risale al 2013 con il consolidamento dei solai. La scuola, realizzata con blocchi in epoche differenti come quella di Grassi, non presenta problematiche strutturali dell’ordine di quanto invece era emerso a Grassi e che aveva imposto la chiusura del plesso di Rogoredo e Campofiorenzo per un intervento piuttosto urgente.

«Chiederemo degli spazi finanziari al governo entro il 20 gennaio prossimo – spiega l’assessore ai lavori pubblici Guido Pirovano - . Come nella precedente occasione il sindaco intende indire una riunione, alla presenza dei tecnici, a settembre, per illustrare ai genitori degli alunni ed agli insegnanti il percorso avviato ed il programma delle fasi successive».

In particolare i professionisti dovranno prevedere «il rinforzo o dei maschi murari mediante placaggio diffuso, o fasce con reti in fibra di acciaio, eventuali collegamenti efficaci tra le interfacce delle strutture realizzate in epoche successive, collegamenti con vincoli a cerniera tra coperture lignee e murature sommitali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA